02/03/12

Cinque cattive notizie per il libero web


Mentre in Italia si torna a discutere di leggi che minacciano la libera Rete (questa volta è il turno del ddl Butti), segnalo cinque notizie anche più preoccupanti provenienti dal resto del mondo:

1. Con il pretesto della sicurezza nazionale, il governo indiano sta predisponendo una «agenzia per il monitoraggio di Internet» che cercherà di controllare l’intero traffico web generato nel Paese, compresi tutti i tweet, gli status update e la mail scambiate – perfino in bozza.

2. Il Pakistan sta per adottare un sistema di filtraggio dei contenuti online che, con la scusa di contrastare lo scambio di contenuti pornografici, rischia di comportare la censura di circa 50 milioni di siti. Il filtro ricorda il terribile Great Firewall cinese, scrive l’Express Tribune.

3. Secondo un rapporto di Amnesty International pubblicato nelle scorse ore, la repressione del dissenso in Iran è sempre più severa – non ultimo a causa dell’attività di sorveglianza della ‘cyber-polizia’ entrata in funzione a gennaio 2012, che svolge il compito di «contrastare i crimini su Internet e combattere i social network che diffondono spionaggio e rivolte.»

4. Twitter ha inaugurato una partnership con l’impresa britannica Datasift che consente alle aziende interessate di immagazzinare i tweet prodotti dagli utenti negli ultimi due anni e analizzarli a scopi di marketing. Precedentemente il limite era di 30 giorni. Le organizzazioni per i diritti dei netizen Electronic Frontier Foundation e Privacy International hanno espresso preoccupazione per quello che viene definito «un cambio radicale nella direzione sbagliata.»

5. Dai Global Intelligence Files pubblicati da WikiLeaks si è appreso che vi sarebbe già un «atto di incriminazione coperto da segreto istruttorio» negli Stati Uniti per Julian Assange. A rivelarlo è una mail sottratta agli analisti di Stratfor.

Il tutto solo nelle ultime dodici ore.

di Fabio Chiusi

Fonte articolo

Nessun commento:

Posta un commento