24/04/10

PD .... PIDI CHE COSA?


Pd, no al referendum sull'acqua: «Legge con un milione di firme» di Roberto Rossi.
Contro il disegno di privatizzazione forzata dell’acqua pubblica, definita dalla recente legge Ronchi, il Partito democratico non sosterrà la campagna referendaria. «Pur guardando con simpatia a tutti quei movimenti che si battono contro il rischio di monopoli privati» ha detto il segretario Pierluigi Bersani «riteniamo che il referendum non sia la strada giusta». Il Pd, quindi, seguirà un’altra via. E cioè formulerà, nel più breve tempo possibile, una proposta di legge coinvolgendo gli amministratori locali e i cittadini. Si parte subito. Il primo appuntamento è per oggi a Torino. L’obiettivo complessivo è quello di raccogliere, sulla petizione, un milione di firme.

Referendum
Con la decisione del Pd, dunque, il fronte che si batte contro la privatizzazione dell’acqua presenta tre diversi schieramenti. Oltre al Partito democratico, in campo ci sono il Forum di movimenti per l’acqua pubblica e l’Italia dei Valori. Entrambi hanno scelto la strada del referendum per modificare la legge Ronchi. Il Forum, che raccoglie una sterminata serie di sigle della società civile, ha già depositato in Cassazione tre quesiti e si appresta a partire con la raccolta delle firme il 24-25 aprile. Così come l’Italia dei Valori. Il partito di Di Pietro si è spinto, però, oltre. Presentando delle proposte anche per il legittimo impedimento e per la legge che reintroduce il nucleare per uso civile in Italia. «Il referendum – ha spiegato Bersani – è una battaglia fondata ma lo strumento referendario da solo non basta». Perché, sempre secondo il leader del Pd, è inadeguato «sia per la scarsa efficacia dimostrata negli ultimi anni (24 referendum persi su 24 dal 1995 in poi), sia perché abroga leggi senza definirne di nuove e di più efficaci».

Proposta
Da qui la proposta di una nuova norma. Che è anche il frutto di un compromesso tra le tante anime locali del partito. Da nord a sud le differenze in materia di gestione dei servizi idrici sono notevoli. La scelta di Bersani, dunque, è anche il frutto di una sintesi non facile. Per ora, comunque, la cornice del progetto è costituita da sei linee guida.

La prima riguarda la costituzione di una forte Autorità indipendente, compartecipata da Stato e regioni, in grado di regolare la gestione. Questa Authority, pensata sul modello dell’Aifa (farmaci), dovrebbe definire gli standard di servizio, monitorare i risultati, applicare sanzioni in caso di mancato investimento, incentivare qualità, efficienza e risparmio. La seconda, invece, prevede un forte ruolo delle regioni e degli enti locali nelle scelte di affidamento del servizio idrico. Da realizzare, e siamo al terzo paletto, con una gestione industriale del servizio «che consenta economie di scala, assicuri qualità omogenea e garantisca sicurezza degli approvvigionamenti».

Per fare questo, quarta linea guida, bisogna dare un quadro normativo chiaro «affidando alle regioni il compito di organizzare il servizio idrico integrato» sulla base di ambiti territoriali ottimali, definiti secondo diversi parametri. Le tariffe poi, quinto obiettivo, modulate come corrispettivo del servizio, «devono prevedere una tariffa sociale per dare agevolazioni a determinate fasce di reddito e a nuclei familiari numerosi, e una tariffa che incentivi il risparmio idrico».

Vincoli
Infine, ultima linea guida, devono essere presenti dei «meccanismi che vincolino alla realizzazione degli investimenti necessari per migliorare il servizio, stimati in almeno 60 miliardi di euro, con l’impegno aggiuntivo per garantire lo stesso livello di servizio idrico in ogni area del paese». Un punto fondamentale, quest’ultimo. Oggi la tariffa è commisurata al livello degli investimenti. Soldi che spesso, però, rimangono sulla carta (circa la metà). Con il risultato che in molte zone del Paese si paga una tariffa elevata a fronte di pochi interventi sulla rete.
23 aprile 2010

Fonte
---------------------------------------------------

Le collusioni della politica con gli affari toccano trasversalmente tutto l'arco costituzionale come gli arresti e le indagini dimostrano oltre alle scelte politiche. Non stupisce, il PD ha votato contro la ripubblicizzaione dell'acqua in toscana nonostante l'elevato aumento dei costi per i cittadini che la privatizzazione ha comportato. smettiamola di parlare del pd-idv come partiti di centro sinistra. Ormai sono di centro e basta.
Che gli iscritti democratici del PD ci diano giustificazione di tali scelte come quella di non essere in aula al momento del voto per la vergogna dello scudo fiscale che grazie a loro è diventato legge.
L'IDVnon è diversa, infatti pur di apparire autonoma e "contro" non distingue più contro chi si muove. Ha presentato referendum autonomi e ha spaccato l'unità con i movimenti per l'acqua pubblica.
La privatizzazione porta affari certi dato che TUTTI viviamo grazie all'acqua e quindi siamo clienti assicurati.NON fanno tutela della costituzione e dei ceti deboli e nemmeno di un'etica pubblica che URLA VENDETTA!

SI SCRIVE ACQUA
SI LEGGE DEMOCRAZIA

L'ACQUA NON SI VENDE

Articoli correlati
ACQUA

Luciana P. Pellegreffi

by NEURONIATTIVI

Share/Save/Bookmark
add page

Nessun commento:

Posta un commento