15/06/10

Cosa viene prima... la manovra finanziaria o le intercettazioni?


Secondo Fini:

Alla Camera, a luglio, approderà prima la manovra correttiva dei conti pubblici , poi il ddl intercettazioni. Così il presidente dell'assemblea, Gianfranco Fini, stoppa la fretta del Pdl...

"Chi conosce il regolamento della Camera e la Costituzione non ha dubbi". Così Gianfranco Fini a Benevento, sulla priorità dell'approvazione della manovra finanziaria rispetto al disegno di legge sulle intercettazioni. L'intervento "deciso dal governo per fronteggiare la crisi è stato presentato con un decreto legge e i decreti vanno approvati e discussi nell'arco dei 60 giorni" ricorda il presidente della Camera

Secondo il PDL

Alle parole del presidente della Camera rispondono i capigruppo Pdl Gasparri (Senato) e Cicchitto (Camera) che ricordano a Fini che quella legge ribadiscono che il ddl, frutto di "un'ampia discussione", non può essere modificato e deve entrare in vigore al più presto come previsto dall'ufficio politico del Pdl.
Lo stesso al quale, scondo l'Agi, si richiama Silvio Berlusconi che, parlando con i suoi, dice: "Si va avanti e si chiude. Rispettando i tempi. Non posso certamente farmi ricattare su un punto votato all'unanimità dall'ufficio di presidenza del partito"

Mi piacerebbe chiedere a tutti quelli che sostengono il premier, cosa ritengono più importante, su cosa concentrerebbero le loro energie...?

Meglio discutere e accelerare sulle intercettazioni o sulla manovra economica?

Il pensiero del governo, mi sembra sia chiaro, sono più urgenti le intercettazioni!!!

Peccato che siano entrambi due ddl imbarazzanti, uno costruito in fretta e furia, con tagli indiscriminati e senza logica, l'altro ad uso e consumo esclusivo di una piccolissima, e non proprio più onesta, parte di popolazione...

Fonte articolo

Share/Save/Bookmark
add page

Nessun commento:

Posta un commento