05/06/10

Nestore, contro l'abbandono degli amici a quattro zampe

All’arrivo dell’estate, ogni anno, il fenomeno del randagismo registra un notevole incremento, con circa 135 mila nuovi abbandoni.
Le autostrade si popolano di cani abbandonati a sé stessi e ad un triste destino: morire di stenti, di sete sotto un solo cocente, sull’asfalto bollente, o peggio investiti da una macchina, marcendo sul ciglio di una strada. Un gesto vigliacco da parte degli pseudo amanti degli animali che mentre si godono il sole, il mare e le bibite fresche, lasciano crudelmente che il povero animale a quattro zampe gema disperato nella speranza che qualcuno torni a prenderlo.

In realtà i cuccioli vengono considerati come degli autentici giocattoli viventi da questa assurda razza di esseri umani. Dei giocattoli utili ad intrattenere per un po' i propri figli.

Esattamente come dei giocattoli, al cambio di stagione, verranno poi rimpiazzati da altri cuccioli di animale, magari più alla moda dei precedenti. Tutto ciò mi pare assurdo, si tratta di un terribile modo di educare le nuove generazioni, queste cresceranno senza alcun senso di responsabilità, non saranno in grado di affezionarsi a nessuno e di conseguenza non riusciranno a costruire dei sani rapporti impersonali poiché così come sono stati abituati nell'infanzia con gli animali domestici, tratteranno anche le persone come un Kleenex.

Forse la mia analisi può sembrare estrema, ma secondo me, il fenomeno dell'abbandono dei cuccioli va inserito in un contesto sociale più ampio. La crudeltà dell'uomo in questi casi, non si limita al solo rapporto con gli animali ma indubbiamente va a riflettersi nella sfera dei rapporti interpersonali della moderna società, dove assistiamo ad una costante crescita del fenomeno della disgregazione familiare. I due fenomeni ritengo siano legati. Laddove i genitori mancano, per motivi diversi, nel corrispondere la giusta educazione ed affetto verso i propri figli, tendono a fornire loro dei surrogati che vengono rappresentati dai cuccioli di animali. I cuccioli di uomo, però, non sono in grado di dare amore. Mi spiego meglio: i bambini, perchè non ancora maturi, ricambiano l'amore solo se ricevono amore. Se invece di ricevere amore ricevono regali, giochi, vestiti, cuccioli, saranno di conseguenza abituati a voler bene ai genitori o chi per loro solo in cambio di qualcosa. Per questo i giovani di oggi non hanno rispetto di niente o di nessuno. Mancano di rispetto per le persone, per gli anziani, per i genitori, per i disabili, per l'ambiente, per gli animali, per gli educatori e la lista potrebbe continuare all'infinito.

Il rispetto invece non manca per chi ostenta il successo, il potere economico o politico. Il messaggio distorto che hanno appreso è semplice: “ognuno conta per quello che possiede, non per ciò che è oppure conosce”.

Forse, di fronte a gesti di crudeltà come questi, bisognerebbe farsi un esame di coscienza collettivo. Non basta solo condannare coloro che si rendono protagonisti di imprese del genere, cercando di arginare il fenomeno con la sensibilizzazione fatta di spot pubblicitari e di iniziative, ma andando a recuperare certi valori che oggi si sono persi in nome del progresso e della società consumismo.

Concludo con i dati del ministero, nei canili, vivono 600 mila cani dietro le sbarre, senza contare i 2,6 milioni di gatti abbandonati a sé stessi. Con l’arrivo delle vacanze estive la situazione precipita ogni anno.
Nestore, consiglia di scegliere per le vacanze strutture attrezzate ad ospitare il vostro animale domestico, o di optare per le pensioni.
Qualsiasi alternativa è migliore di un gesto così crudele come l’abbandono sul ciglio di una strada.

La sterilizzazione è una scelta responsabile nei confronti degli animali con cui viviamo perché se anche si riesce a dare una casa a tutti i cuccioli generati dal proprio cane o dal proprio gatto, si toglieranno possibilità preziose di affidamento per uno dei tanti animali rinchiusi nei canili o abbandonati per la strada.

Alle istituzioni nazionali e locali, ma anche ai singoli cittadini, la richiesta di fare prevenzione attraverso alcuni comportamenti responsabili.
Oltre alla sterilizzazione e all’adozione come alternativa all’acquisto, denunciare chi abbandona animali, reato questo punito con l’arresto fin ad un anno con con l’ammenda da mille a 10 mila €.

Fonte articolo

Share/Save/Bookmark
add page

Nessun commento:

Posta un commento