25/01/11

Prima o poi l'U.K. ti va dal culo....insieme alla sua tripla AAA

Usando sofisticatissimi termini tecnici, in sostanza la situazione è questa: se continua così....prima o poi l'U.K. ti va veramente dal culo...insieme alla sua intoccabile tripla AAA gentilmente confermata dalle tre sorelle zoccole del rating.

Vedi cosa scrivevo tanto tanto tempo fa...quando ancora non ero del tutto disilluso: giovedì 21 maggio 2009 - La Regina sta per perdere il rating
....Signore e Signori, stiamo parlando dell'UK e non di uno stato qualunque...
E' già tanto che S&P abbia avuto il coraggio di abbassare l'outlook visto che le agenzie di rating sono in mano agli USA ed alla stessa UK...
Ma avrebbe dovuto fare ben di peggio, ovvero tagliare direttamente il rating perchè i conti pubblici della Gran Bretagna fanno paura e sono peggiorati molto rapidamente: il rapporto deficit/PIL tende ormai ad uno stellare 10-11%...
Il rapporto debito/PIL si sta avvicinando al 100% ed è anche per questo che l'UK potrebbe perdere la tripla AAA...
Ed ancora in La Perfida Albione deve fare penitenza con "drastiche misure di austerità" (giovedì 8 aprile 2010)
.....L'outlook stabile in particolare sull'UK è qualcosa di "stupefacente"...come pure la conferma della tripla AAA...per uno Stato che ha visto letteralmente decollare il deficit ed il debito pubblico in pochi mesi di pari passo al drammatico crollo della propria economia nazionale...
..Il massimo in Europa e’ stato raggiunto dall'UK, il debito pubblico e’ schizzato dal 60% del PIL sino a rasentare il 90% in pochi mesi: per avere un paragone, Craxi impiego’ quasi cinque anni per ottenere lo stesso effetto (nel 1983 il debito pubblico italiano era ail 66% del PIL. Nel 1987 era all’ 88%.
In Inghilterra ci sono riusciti in pochi mesi, il che significa una cosa: l’economia inglese risente terribilmente dell’indebitamento e dei flussi di cassa...
Chissà che cosa bisogna fare peggio di così per perdere la mitica tripla AAA....???
Pochi come il Regno Unito vivono da tempo nettamente al di sopra delle loro possibilità REALI: basta vivere un po' a Londra per capirlo...
Come scrivevo a gennaio 2010 in Il DEBITONE TOTALE (pubblico+privato)
...In ogni caso, ecco un'interessante CLASSIFICA da tenere come punto di riferimento. La palma del DEBITONE TOTALE (pubblico+privato) se la merita il supponente Regno Unito con il 450% rispetto al PIL....
In U.K. sono arditi avanguardisti di tutte le cagate della Grande Crisi....quindi spannometricamente si può prendere il Regno di Sua Maestà Elisabetta II come un leading indicator (anticipatore) delle prossime rogne globali o dei prossimi patatrac globali...

Gli arditi avanguardisti d'oltremanica hanno pompato tutto quello che potevano pompare: quantitative easing, tassi a 0,50%, stampa a stecca di sterline, riacquisto mutui e bond, semi-nazionalizzazione delle big-banks fallite, stimoli....e chi più ne ha più ne metta....

E mo' si beccano il PIL del 4° trimestre 2010 che si smoscia a -0,5% contro le attese per +0,5%....rigorosamente per colpa del freddo inusitato e della neve abbondante, che in un Paese Tropicale come l'U.K. è un evento rarissimo...
WHOOPS: UK Q4 GDP Misses Big Time, With A Shock Fall In Growth
Analysts were looking for 0.5% GDP but the UK reported -0.5%.
Needless to say that's a shocker.
Get ready for a lots of talk about double dips, the wisdom of austerity, etc.
The UK pound just plunged on the news.
Insomma in UK sono in una bella trappola per topi:
hanno sbracato i conti pubblici per tamponare banche&affini, allora ti fanno l'austerity per rientrare, l'austerity però è astringente e si rischia stitichezza di consumi e di crescita del PIL....
Allo stesso tempo hanno sbracato in stampa di sterline e QE vari, si trovano l'inflazione che schizza al 3,7% (o 5% secondo rilevazioni più pragmatiche) a più del doppio di quanto programmato dalla BoE (vedi in questo Blog Sta arrivando?),
dovrebbero alzare i tassi ma non possono perchè altrimenti s'innesca questa cosa qui
COBRAF docet:...La matematica è semplice: hai tassi di interesse di base ridotto allo 0.5% da due anni per salvare le banche e far salire i mercati.
E ha funzionato per un anno e mezzo.

Pompando liquidità a manetta e schiacciando quindi artificialmente quasi a zero i tassi di interesse hai per ora ridotto il costo dei mutui e tenuto su artificialmente il prezzo delle case.

Questo ha fatto sentire meglio le famiglie e salvato le banche che sono piene di mutui.
Inoltre hai fatto svalutare la sterlina dando ossigeno alle imprese.

Ma l'inflazione sta schizzando su, è ora oltre il 3.5%, e è quasi un 3% ora sopra i tassi di interesse di riferimento per cui è questione di mesi o settimane prima che la Banca di Inghilterra sia costretta ad alzare i tassi.
E riportarli a livelli normali però, con il livello assurdamente alto dei prezzi case e quindi dei mutui, significa aggiungere 2 o 3mila euro all'anno di colpo al costo dei mutui di molte famiglie.
Questo fa crollare i consumi ovviamente, fa crollare la domanda di mutui e di case, provoca default e pignoramenti, affonda le banche di nuovo...
Ed adesso con 'sto PIL smosciato....ragione in più per lasciare i tassi ai minimi storici per un esteso periodo di tempo (come si dice nel gergo delle banche Centrali...)
E l'inflazione?
Boh....
Insomma c'è da farsi venire un terribile mal di testa o, come dicono in London, a terrible headache....
Andrà a finire che risolvono tutto stampando altra moneta, iniettando in vena un'altra bella dose di QE e chissenefrega se l'inflazione andrà al 10%....
Ripeto: teniamo d'occhio gli UK perchè sono anticipatori delle cagate economico-finanziarie che ci hanno portato alla Grande Crisi.

Insomma gli UK stanno facendo in piccolo (si fa per dire...) quello che stanno facendo gli USA, solo che oltre oceano do it better and bigger...
In più c'hanno ancora un po' di Corporate America localmente radicata (ma dura minga...) che fa da ossatura di supporto...mentre in UK c'è un deserto dominato da bande di "beduini" della finanziarizzazione&servizi...
Dunque lo spompaggio causa freddo&neve in USA risulta molto più difficile.
Anzi, addirittura la Fiducia è esplosa a Gennaio nei Consumatori americani, in barba al freddo
Consumer Confidence Crushes Expectations With Huge Jump To 60.6 (contro le attese per 54)
Anche se rispetto alla "normalità" non ci siamo ancora...















Tanto mal che vada c'è sempre da giocarsi il QE3 marchiato Janet Yellen (vice-presidente della FED) e save-the-California....Yeahhhhhhhhhh
California And Fed Vice-Chairman Janet Yellen Will Drive The Next Round of QE
Janet Yellen is the Vice-Chairman of the Federal Reserve. Ms. Yellen is from California. In California no economic recovery is taking place.
This Spring, the Federal Reserve will need to decide on a continuation of QE.
To guide the FED on further QE, I believe Ms. Yellen is already looking at charts.....
Fonte articolo

add page

Nessun commento:

Posta un commento