11/04/11

Obbligati a parlarne bene.


Allora, lo scorso ottobre abbiamo dedicato una puntata alla manovra di correzione dei conti pubblici, e documentato quello che secondo noi erano gli aspetti critici, essendo questo un programma di inchiesta. Invitato e sollecitato più volte il ministro ad intervenire, ma invano. Dopodichè il ministro Tremonti ha ritenuto che non avevamo rispettato il pluralismo informativo ed ha chiesto all’Agcom che intervenisse e sanzionasse la Rai.
Ok, e poi cos'è successo?
Qualche giorno fa l’authority, ha deciso: non abbiamo detto cose false, non abbiamo diffamato nessuno ...
E allora che problema c'è?
... tuttavia l'Agcom dispone quanto segue: "la Rai deve diffondere una nuova puntata che dia spazio a voci e testimonianze positive relative alla manovra economica finanziaria del ministro ai fini del ripristino dei principi di obiettività e completezza. In caso di inottemperanza l’autorità applicherà i provvedimenti previsti, cioè la sanzione".
Cosa? Puoi ripetere?
... non abbiamo detto cose false, non abbiamo diffamato nessuno ... ma la Rai dovrà diffondere una nuova puntata che dia spazio a voci e testimonianze positive relative alla manovra economica finanziaria del ministro.
Voci e testimonianze positive? Ma stiamo scherzando? Ma il diritto di critica? E l'articolo 21 della Costituzione? Sì, ciao.

Fonte articolo

Nessun commento:

Posta un commento