23/06/11

Sorsi d'acqua al trizio

La statunitense US Environmental Protection Agency afferma che la dispersione di trizio radioattivo nell'ambiente fa aumentare il rischio di sviluppare il cancro.

Il trizio radioattivo si è infiltrato nelle acque sotterranee in Virginia dove esistono due centrali nucleare commerciale.

Ma il trizio radioattivo non è stato ritrovato solo nel terreno sotto le due centrali in Virginia, lo si è rivelato perché disperso anche in 48 delle 65 centrali nucleari americane nel corso della loro storia operativa. Le perdite da 37 centrali hanno superato i limiti federali sulle norme relative all'acqua potabile.

Come può il trizio radioattivo sfuggire dalle centrali nucleari per inquinare l'ambiente? A causa dalla corrosione dei tubi interrati così come dalle armature delle volte che portano l'acqua utilizzata per raffreddare i reattori.

Se per decenni la gente beve acqua con trizio radioattivo addizionato in quantità entro i limiti di legge rischia di sviluppare il cancro in 7 casisu 200 mila. Questo limite per l'acqua potabile l'EPA (US Environmental Protection Agency ) lo ha fissato a 20.000 picocuries. La centrale nucleare della Virginia, Surry Power Station, ha superato i limiti federali relativi all'acqua potabile mostrando un livello di trizio pari a 31.900 picocuries per litro, mentre a dicembre dello scorso anno erano a 14.100 picocuries , ma l'acqua contaminata era stata contenuta all'interno dell'impianto. Adesso 450 galloni (circa 1.7700 litri) di acqua contaminata sono fuoriusciti dall'impianto..

I problemi e i pericoli degli impianti nucleari aumentano con la loro obsolescenza. Vecchi impianti destinati ad essere chiusi per vecchiaia rimarranno attivi per ulteriori 20 anni, Scelta presa guardando l'economia piuttosto che la salute della gente.

Da ricordare inoltre che il presidente Barack Obama ha intenzione di supportare l'espansione dell'energia nucleare ma ha accantonato i piani di costruire un sito permanente di stoccaggio dei rifiuti nucleari in Nevada , di conseguenza, i milioni di libbre di rifiuti nucleari, tra cui circa 5,2 milioni di libbre della centrale di Surry, sono sparsi in tutta la nazione.

Il trizio è una forma radioattiva di idrogeno che si produce durante il funzionamento di centrali nucleari. Si trova in composti contenenti idrogeno, come l'aria e l'acqua.
Il trizio, che è inodore e incolore, ha un tempo di dimezzamento di 12,3 anni. L'emivita dell'uranio, al contrario, è miliardi di anni. c'è da inferire sarcasticamente che chi muore di cancro per avere bevuto acqua contaminata da trizio radioattivo disperso dalle centrali nucleari ha un corpo o ciò che resta con metà del trizio che lo ha ucciso per 12 anni, un quarto dopo 24 anni, un ottavo dopo 36 ...

Noi, in Italia, possiamo stare tranquilli, almeno rispetto a questi specifici problemi sopra descritti, avendo evitato di infilarci di nuovo nella trappola per topi del nucleare, grazie al referendum che ha dato una chiara risposta: no, niente centrali nucleari sul nostro territorio nazionale. Ma possiamo stare davvero tranquilli? Direi di no.

Leggere anche:


Un aggiornamento dell'ultima ora segnalato da Maurizio T.. L'articolo del Ticino live segnala un incidente nucleare, tenuto nascosto dai media, del grado 4 della scala INES.
"Incidente nucleare a Fort Calhoun, Nebraska.
Il governo impone la no fly zoneSulla scala INES, la scala internazionale degli eventi nucleari e radiologici, il livello 4 significa danni significativi al nocciolo del reattore e/o alle barriere protettive della centrale nucleare, significa che le radiazioni all’interno del reattore sono di livello letale per uomini e animali, mentre per l’ambiente esterno l’impatto è ancora considerato “minore”, con esposizione della popolazione a radiazioni che ancora rientrano nei limiti di legge. Nell’indifferenza generale di media e opinione pubblica, da due settimane la centrale nucleare di Fort Calhoun, nello Stato del Nebraska – attiva dal 1973 – si trova in una situazione assai critica...."

Fonte articolo

Nessun commento:

Posta un commento