09/08/11

Benvenuta dittatura.


Per la seconda volta nel giro di breve, vi consiglio un post di Uriel. Il link è questo: www.keinpfusch.net/2011/08/chiudete-la-borsa-inizialmente-usa-spa.html , perché Uriel fa redirecting dato che non vuole essere linkato. Assolutamente lucido ed illuminante, se ne sapete cogliere anche l'ironia.

Qualche perla:

Volete sapere che cosa indicano i rating? Ve lo dico io: indicano quanto potere abbiano i finanzieri in una data economia. Quando i finanzieri hanno POCO potere ed il governo fa quel che vuole, normalmente il rating e' alto. (...) Il rating di un debito pubblico che si abbassa significa questo: "questo governo ci obbedisce". Perche' e' cosi': portare il rating sull'orlo del fallimento e' la strategia con cui vengono sottomessi i governi.

Avere solo e sempre le leggi che vanno bene ai mercati non e' "democrazia": non avete mai eletto i mercati, ricordate? Avere solo leggi che convincono i mercati e' LA FINE della democrazia. Perche' il governo che voi avete eletto NON fa piu' le leggi per cui lo avete votato: fa le leggi che piacciono ai mercati.

Che cos'altro temete da un dittatore? Che vi mandi in un gulag a sfinirvi di lavoro? Niente paura: la finanza ha la possibilita' di trasformarvi prima in disoccupati e poi in poveri, decidendo di delocalizzare. E allora vi troverete in qualche cantiere o in qualche campo a lavorare in nero e morire di lavoro.

Che cosa temete da un dittatore? La censura degli organi di stampa? La finanza possiede gia' i mass media, ricordate? Temete la propaganda? Ce l'avete gia', si chiama Marketing. E' quella che chiama "flessibilita'" il precariato.

Vi mostrero' che "i mercati" e "la finanza" lo stanno gia' facendo sotto i vostri occhi, e non domani o altrove: QUI E OGGI.

Ma a differenza degli altri dittatori, essi non hanno alcun nazionalismo, nessun orgoglio, nessuna visione , nessuna ideologia: hanno solo la voglia di una nuova automobile , di una nuova barca, di un altro miliardo di dollari e altre due troie dodicenni nel letto.

Fonte articolo

Nessun commento:

Posta un commento