23/11/11

Tutti a scandalizzarsi per il Flop dell'asta BUND decennale con uno "stellare" rendimento dell'1,98%

Ma scusate: dove vive la maggior parte della gente?
Su Marte?
Stamattina tutti a scandalizzarsi per questo:
Germania: Asta-Flop Per Bund. Per Trovare 6 Mld Interviene Bundesbank
23 nov - La Germania raccoglie dagli investitori solo 3,8 miliardi di euro collocando il nuovo Bund decennale, cedola 2%, scadenza gennaio 2022, rendimento 1,98% in calo rispetto al 2,09% della precedente asta....
Asta bund «tecnicamente fallita», la crisi contagia Berlino
Io invece non mi scandalizzo manco per la cippa: prima o poi doveva solo accadere...
Il BUND è in BOLLA da tempo, grazie agli enormi squilibri causati dai tamponi applicati alla Grande Crisi 2008-2009 e grazie agli squilibri strutturali dell'Eurozona (e della Merkel...)
E le bolle prima o poi....

Posso capire un parcheggio di breve su uno schatz a due anni...
Ma invece....
Come cappero si fa a comprarsi un Bund decennale che offre un minimale 1,98% di rendimento, proprio nel momento in cui anche la Germania scricchiola pericolosamente???
(anche se la sua economia è molto più resistente ed ha capacità di recupero impensabili in confronto per esempio alla paludosa economia italiana...)
Come cappero si fa a comprarsi un Bund decennale che offre un minimale 1,98% di rendimento, nel momento in cui lo stesso Euro scricchiola paurosamente e non sei nemmeno sicuro tra dieci anni quale valuta verrà usata per rimborsarti il tuo Bund...
Il bund è diventato per forza di circostanze un bene rifugio ad orologeria, in attesa di swittchare altrove, ma non è mica oro fisico...
ed ormai nel cercare rifugio si procede step by step...

Insomma, man mano le tessere del domino di questo Mondo di Debiti stanno venendo giù nell'ordine più logico, in base a svariati parametri e soprattutto in base a QUANTE BANCONOTE AL MINUTO è in base di sparar fuori la tua STAMPANTE...
Come scrivevo qualche giorno fa in Ma perchè devo continuare a leggere delle cagate del genere? ci sono concrete possibilità che....
Ma non è nemmeno detto che ci sia ancora una soluzione:
è possibile che il MERCATO stia già dando il suo verdetto senza appello: L'EURO E' MORTO, E' STATO UN ESPERIMENTO FALLITO
...
e come dargli torto?
A parte il rumore di fondo speculativo
gli SPREAD ed i Rendimenti dei vari titoli di Stato stanno già prezzando il POST-EURO
compresa la compensazione del cambio basato sulle nuove (ipotetiche) valute nazionali (new marco, new franco, new lira od euro1/euro2)
I mercati come sempre anticipano...
Al di là dell'oceano....il distacco 'mericano è surreale: i commentatori parlano della Crisi Europea e dei vari scatafasci come se non li riguardasse...come se stessero parlando di quello che sta succedendo su un remoto satellite di Giove (tanto, come dicevo stamattina, loro stanno in un'altra dimensione spazio-temporale...)
Ma come la Grande Crisi è partita soprattutto dagli USA (e dagli UK), alla fin fine il cerchio si chiuderà.
Al di là delle QE-alchimie della FED, degli acquisti forzati da parte della Cina e dei flussi di capitale ad orologeria (ovvero mi rifugio per un po' dove penso di resistere un po' più a lungo e poi si vedrà..)
prima o poi dovrà toccare anche alla colossale BOLLA (indotta) sui Titoli di Stato Americani: per accattarti questa carta straccia di T-bond, T-bill e T-stocaz poggiata su 15 trilioni di Debito Pubblico Americano (in continua ascesa)
non solo ti smollano interessi microscopici ma in certi casi addirittura ti trovi con interessi reali negativi - traduzione: per mettere i tuoi risparmi in debito carta straccia 'mericano DEVI PAGARE TU LO ZIO SAM ed ancora grazie...
vedi per es. l'ultima "assurda" asta 'mericana di oggi:
Usa: allocati titoli a 7 anni, rendimento scende all’1,415%
Il Dipartimento del Tesoro Usa titoli a 7 anni per 29 miliardi di dollari. Il rendimento ha registrato un minimo storico dell’1,415%. Le richieste hanno superato il quantitativo offerto di 3,2 volte, dalle 2,75 volte della media delle ultime 4 aste.
Ma prima o poi TUTTE le Bolle....

Fonte articolo

Nessun commento:

Posta un commento