07/12/11

Fronte Italiano: parentesi di tranquillità (fino a febbraio 2012)

Un mio amico (che è stato uno dei migliori trader italiani) l'altro giorno mi diceva:
io sono andato a prelevare un po' di contanti in valute estere e li ho messi in cassetta di sicurezza, come se mi fossi fatto un'assicurazione....
Però l'Italia non è in pericolo immediato: infatti per ora abbiamo superato gli scogli più pericolosi delle aste 2011 di BOT&BTP (sfruttando il rasserenamento sui nostri rendimenti, ci sarà ancora un'asta da 7 miliardi di BOT il 12 dicembre ed una riapertura di asta BTP 5y il 14 dicembre)
ma poi, a Febbraio 2012, ricominceranno i cazzi (termine tecnico-finanziario).

Insomma l'Eurozona ha tempo fino a Febbraio per tirar fuori il Bazooka o per inventarsi qualche "tampone" concreto e funzionante.
Oppure a Febbraio potrebbero ricominciare i cannoneggiamenti sull'Italia e non solo... Godiamoci dunque la pausa ed il Natale.
Semprechè il 9 Dicembre.... i Leaders Europei non diano l'ennesima dimostrazione della loro solita imperizia e delle loro solite divisioni radicali nel gestire questa Armata Brancaleone che ci ostiniamo a chiamare Eurozona, nel qual caso i cazzi (termine tecnico) potrebbero anche ricominciare prima.

Per chi invece ama scommettere sul TRADING di BREVE,
girano rumors di raddoppio del fondo salva-stati europeo (vedi FT) e girano rumors di QE3 Americano in arrivo per il 13 Dicembre: insomma inondazione di doping e possibile mega-rally di Natale.
Ma io queste cose ve le dico solo a titolo informativo perchè come sapete non mi occupo di toto-scommesse...
Passo la parola all'ottimo COBRAF:
03:02 07/12/11
Può darsi che si prenda una cantonata, ma si sente nell'aria odore di LIQUIDITA', di soldi, di QE insomma, il semaforo sta passando al verde. Stasera il Financial Times ha titolato: "la UE parla di raddoppiare il fondo salva-stati" costringendoci a passare da short a long futures, ma da un paio di giorni ci sono rumor di "QE" (quantitative easing") come regalo di Natale. Il QE è quella astrusa politica delle banche centrali, intraducibile in italiano ("facilitazione quantitativa...??"), incomprensibile alle masse, ma che fa salire i mercati finanziari (senza peraltro migliorare le economie).

Tornando a noi...ecco qua i caldissimi Febbraio-Marzo-Aprile Italiani che ci aspettano sul fronte dei Titoli di Stato (colonnine verdi del grafico di sinistra): ci andranno in scadenza circa 115 miliardi di euro di titoli di stato solo nei primi 4 mesi del 2012 e circa 300 miliardi di euro nell'arco di tutto l'anno.
In qualche modo tutta quella massa di Debitone Pubblico andrà ri-finanziata, possibilmente dal mercato e non dalla BCE-FMI....;-)
Anche Spagna e Grecia hanno alcuni pericolosi scogli del debito pubblico da superare entro i primi 4 mesi del 2012; nel caso della Grecia (già fallita da tempo) come sempre negli ultimi 2 anni quei titoli di stato in scadenza dovremo pagarglieli noi...


Nel frattempo vi ripropongo il grafico di ieri che forse non avete visto bene.
Nomura secondo me è stata fin troppo ottimista, soprattutto sull'ipotetica svalutazione della New-Lira...
In ogni caso, dal grafico risulta più chiara e comprensibile LA TENTAZIONE DELLA GERMANIA di mollare l'Euro così com'è.
Vei anche:

Nomura si è portata avanti con il lavoro ed ha fatto una simulazione in caso di Fine dell'Euro: ecco gli ipotetici cross tra le varie valute ex-Euro rispetto all'USD.
Se tutto dovesse andare liscio, Nomura potrà rimettere la simulazione nel cassetto, per poi ri-tirarla fuori tra 6-12-18 mesi...


Fonte articolo

Nessun commento:

Posta un commento