22/02/12

Ce lo dice perfino Bankitalia....

L'Effetto credibilità-Monti (volenti o nolenti...)
e l'Effetto magic-LTRO della BCE di Draghi
stanno avendo un magico riflesso sul mood dei Mercati Finanziari nei confronti dell'Italia...
Ma ormai i coca-cow-boys applicano strategie up/down di 1-3 mesi...
in base alle pumping-mosse delle banche centrali
od in base ad algoritmi che individuano (nel breve termine) chi è stato più castigato
e dunque chi possa offrire maggiore "trippa-per-gatti-speculatori"...
I FONDAMENTALI però sono altra cosa
e vanno letti eliminando il rumore di fondo delle strategie speculative up/down ad 1-3 mesi dei coca-cow-boys globalizzati ed high-frequency-digitalizzati....

Io per ora rimango ancora pessimista sull'Italia
anche se l'effetto di un Governo "semplicemente normale&credibile" (o forse qualcosa di più...) ................
che governa senza avanspettacolo, nani&ballerine, liti in diretta-mondo-visione tra Presidente-del-consiglio-e-Ministro-dell'Economia e Ruby-nipote-di-Mubarak
(poi possiamo discutere quanto volete nel merito delle scelte...)
e che in soli 3 mesi ha fatto molto di più dei governi precedenti in 17 anni....
potrebbe innescare un ritorno d'interesse nei confronti dell'Italia più prolungato della-botta-e-via-speculativa da 1-3 mesi...
e potrebbe innescare dei miglioramenti strutturali che vadano ad incidere sui fondamentali italiani.
Del resto Draghi sta regalando proprio a noi PIIGS tempo prezioso...tra LTRO1/LTRO2 e tagli dei tassi...

Recentemente si sono visti in Italia alcuni germogli verdi (green shoots) tutti da confermare nei prossimi mesi (anche perchè Dicembre è Dicembre...):
Istat, vola il fatturato a Dicembre dell'industria: +5,6% Spinge il mercato estero. Bene anche gli ordini: +5,9%.
L'Istat, lunedì 20 febbraio, ha rilevato che il fatturato dell'industria nella media dell'intero 2011 è cresciuto del 5,6% (dato grezzo) rispetto al 2010.
A spingere è stato soprattutto il mercato estero.
L'aumento, secondo l'Istituto «si spiega in gran parte con il rialzo dei prezzi» alla produzione (NdR mmmmm....?)
A dicembre il fatturato è salito del 3,4% su novembre, mentre gli ordini hanno registrato segno un segno più del 5,5%.
Su base annua, invece, il fatturato corretto per effetti di calendario aumenta del 5,6% (-0,9% il grezzo) e gli ordinativi scendono del 4,3% (dato grezzo).
Bene anche gli ordini dell'industria italiana che nella media dell'intero 2011 sono cresciuti del 5,9% (dato grezzo) rispetto al 2010.
A fare da traino è stato il mercato estero.
Nel 2010 l'incremento degli ordini era stato più forte (+13,8%)....
Però...la situazione fondamentale dell'ITALIA rimane comunque brutta&bruttina....
Ce lo dice perfino Bankitalia........e non la trilateral dei Blogger-catastrofisti.
Ed il quadro che ne viene fuori non è particolarmente positivo.
La Banca d’Italia ha pubblicato ieri l’edizione di febbraio del bollettino sintetico sull’economia italiana.....




“Il 2012 sarà un anno di recessione
Lo conferma Ignazio Visco, governatore della Banca d’Italia
“Il 2012 sarà un anno di recessione.
Come abbiamo indicato negli scenari presentati nel nostro ultimo Bollettino economico, prevediamo una flessione del prodotto in media annua dell’ordine dell’1,5 per cento.......

Visco: Pil ancora 5% inferiore ai livelli pre-crisi
18 feb 2012 - ''La nostra economia deve esseremessa in grado di crescere stabilmente a tassi sostenuti,rafforzando la competitivita' della imprese. Rispetto ailivelli raggiunti nel 2007, prima ...
Ma anche altre fonti confermano come DragMonti non sia la panacea di tutti i mali dell'Italia quanto piuttosto un'aspirina somministrata ad un vecchietto malato cronico....
Anche perchè era assai difficile andare peggio dello scampolo di fine-impero....;-)
Crisi: Cgil, Cig In Calo a Gennaio, In 312 Mila In Cassa
Roma, 18 feb. (Adnkronos)- La cassa integrazione inizia il 2012 con un calo significativo, segnale di "una progressiva transizione verso la disoccupazione"....

Crisi: Confcommercio, clima fiducia imprese peggiora a livelli 2008
18 feb - Per il 76,2% delle imprese delcommercio, del turismo e dei servizi l'economia italiana e'in deciso peggioramento nel quarto trimestre del 2011 (erano il 58,9% nel trimestre precedente) ...

Roma, 22 feb. (LaPresse) -
Una fine d'anno da dimenticare e nubi sull'andamento dei primi mesi del 2012.
E' questo lo scenario che delinea l'indagine congiunturale del Centro studi di Unioncamere.
La crisi, mostrano i dati, ha colpito duramente il sistema produttivo che tuttavia, malgrado l'ondata negativa, ha retto nelle vendite all'estero, cresciute del 2,5%,
e in un solo settore di punta la meccanica - che porta a casa un comunque magro incremento dello 0,2% della produzione e un più ricco +5,6% di aumento dell'export....

Fonte articolo

Nessun commento:

Posta un commento