24/06/12

Accipicchia che analisi!

Mentre io "perdevo tempo" a smontare la solita disinformazione da Bar Sport che ormai ha invaso tutti i circuiti informativi....
per fortuna c'erano persone razionali ed equilibrate che producevano delle OTTIME analisi.

Posso dunque godermi la Domenica tranquillo (tanto io mi sono già premunito al meglio....)
e passare la parola a Gpg Imperatrice
che saluto con un grazioso inchino...;-)

Mi permetto solo d'integrare lo scenario  tratteggiato da Gpg
con la mia "folle ipotesi" illustrata nel post:
dove prospetto delle strategie NON CONVENZIONALI
che la Bundesbank potrebbe adottare in caso di "Fine del Mondo"
e che potrebbero proteggere la Germania dai contraccolpi molto più di quanto uno creda,
anche in considerazione del progressivo disimpegno-UE da parte dell'export tedesco sempre più orientato extra-UE...
-----------------------------------------------



Circa 1 anno fa scrissi un’articoletto che ritengo ancora del tutto attuale, in cui disegnavo scenari futuri in modo un po’ originale: SEMPLICE CRISI FINANZIARIA O TERZA GUERRA MONDIALE ?   Segnalo questo simpatico passaggio:
 D: Come si sta comportando l’Europa e la BCE?
Frank: in modo scoordinato e poco razionale. Logica vorrebbe che prendessero una decisione in un senso (lasciare andare in default I paesi periferici senza intervenire, lasciando autoregolamentare I mercati, e lasciando uscire tali paesi dall’Euro) o nel senso opposto (stampare Eurobond, rafforzare la coesione decisionale e le competenze BCE; in sintesi Europeizzare il Debito degli stati, passo importante per gli Stati Uniti d’Europa). In ambedue I casi, I nodi verrebbero al pettine subito.
Mario: Concordo pienamente, di fatto stanno rimandando l’Ora X in attesa che passi la tempesta. La Germania e’ di fronte alla scelta tra la padella e la brace. In un caso, sfascerebbero l’Euro (e l’Europa), e si troverebbero in saccoccia un quantita’ di titoli tossici nel sistema bancario enorme (ripianandoli il Debito volerebbe al 100-120%), oltre ad una moneta ultra-valutata (con impatti sull’economia reale); nel caso opposto finirebbero a mantenere mezza Europa per il resto dei loro giorni. In ambedue I casi, la MERKEL verrebbe impalata dall’opinione pubbica. Quindi non scelgono, ed obbligano gli stati ad aiuti bilaterali, che alla fine consentono di “affibbiare” titoli spazzatura ad altri, in luogo che alle proprie banche.
Cosa accadra’ da qui a 12-18 mesi?  Provo a dire la mia, per una volta senza mettere grafici e tabelle.

Economia Europea: in progressivo, lento ma inesorabile deterioramento
Il primo trimestre 2012 ha chiuso a Zero. L’indicatore eurocoin e gli indicatori sulla produzioni industriale lasciano presagire un secondo trimestre 2012 in recessione (leggere l’articolo:  PIL Zona Euro 2° Trimestre 2012: recessione su scala continentale (Indicatore Eurocoin Maggio 2012 -0.13%, in calo da 8 mesi di fila) ).
Prosegue e proseguira’ la deindustrializzazione di tutti i paesi periferici, alimentata da politiche recessive. La crisi si autoalimenta, visto che l’austerita’ nei periferici fa crollare consumi ed investimenti, e quindi impatta su entrate fiscali, PIL ed occupazione.
La recessione in qualche mese intrappolera’ anche la Germania, visto che l’export verso I periferici europei e’ in forte flessione.
Ritengo che questi processi proseguiranno per tutto il 2012, e potrebbero essere attenuati solo dalla svalutazione dell’Euro e da una discesa ulterior dei prezzi del Greggio.
In ogni caso, la prevedibile non-risoluzione della crisi nell’Euro-Zona, che do’ come altamente probabile, dovrebbe far permanere un clima recessivo nel 2013.

Economia Italiana: sempre peggio!!!
Proseguira’ la deindustrializzazione, ed il secondo trimestre vedra’ un’altro crollo del 2% abbondante rispetto al primo. A breve la cassa integrazione dovrebbe rimettersi a correre, e la disoccupazione continuera’ a salire per tutto il 2012. Nel secondo trimestre il PIL avra’ un’andamento disastroso, ed il tendenziale trimestrale anno su anno crollera’ di circa il 2,5%. La seconda meta’ dell’anno non dovrebbe riservare positive sorprese: anzi, potrebbe peggiorare ulteriormente il quadro.
Proseguira’ il crollo di consumi ed investimenti, causato dal fatto che di fatto il monte retributivo netto delle famiglie Italiane al netto dell’inflazione s’e’ deteriorato di circa il 4% in 12 mesi, a causa in primis della sfilza di tasse dirette ed indirette.
Tale Armageddon non si riflette sul PIL in pari misura, perche’ il crollo dell’import da’ una spinta alla componente estera del PIL.
Entreremo nel 2013 verosimilmente in uno stato di vera e profonda recessione!!!!.....

Governo e Mosse Politiche in Europa: prima di settembre 2013, soluzioni definitive sono improbabili, per cui la crisi permerra’ e si deteriorera’
Gia’ 1 anno fa scrivevo la mia visione di questa Euro-crisi, e cioe’ che la crisi Europea puo’ finire solo in 2 modi:
1) Stati Uniti d’europa (con debito tutto Europeo, e la Germania garante di ultima istanza di tutto)
2) Disgregazione dell’Euro e dell’Eurozona
ogni soluzione intermedia, non risolve il problema, visto che la crisi e’ generata dall’Eurofollia di economie divergenti, senza un potere centrale responsabile ma con una gestione figlia degli interessi di ogni singola nazione.
I tedeschi, deliberatamente, decidono di non decidere da 3 anni, perche’:
-          La soluzione 1) significa fare la fine di Lombardia e Veneto in Italia (mantenere in eterno gli altri), e la cosa non e’ gradita al popolo Tedesco
-          La soluzione 2) e’ una mazzata epocale, perche’ i periferici svalutano (e cio’ azzopperebbe l’industria tedesca), alcuni farebbero default (e la Germania incamererebbe un debito enorme attraverso le banche)
In ambedue i casi, per loro e’ una legnata; per cui traccheggiano,  e nel traccheggiare il resto d’Europa va in malora.
Vi invito a leggere questo articolo Fondamentale fatto da FUNNY KING circa 1 anno fa, Fondamentale: La Truffa dell’Unione Europea ai Cittadini Italiani. I VERI ITALIANI Devono Fermare gli Aiuti a Grecia, Irlanda e Portogallo, SUBITO!  La lettura e’ semplicemente profetica, e l’articolo e’ attuale anche oggi. Resta uno dei 10 migliori articoli mai apparsi su Rischio Calcolato, a mio vedere, di una lucidita’ rara. Vi segnalo questo passaggio, che s’e’ ripetuto altre volte nei fatti nell’ultimo anno, non per ultimo nel salvataggio da 100 miliardi delle banche spagnole:
LA TRUFFA EUROPEA AI DANNI DEI CITTADINI ITALIANI
Ogni singolo giorno che passa i cittadini italiani prestano soldi a Grecia, Portogallo e Irlanda. Soldi che si sa già non potranno essere ripagati e che vengono usati per rimborsare il debito pubblico in mano alle banche. E quello che è paggio a banche TEDESCHE, FRANCESI e INGLESI
Ora che accadra’ da qui a Settembre 2013, data delle prossime elezioni Tedesche? Ve lo dico io: niente!  La cancelliera Merkel fara’ esattamente quello che ha fatto negli ultimi 3 anni: dira’ sempre NEIN, e quando sta per crollare tutto, dara’ all’ultimo secondo un contentino (non risolutivo).
La Merkel, nei prossimi mesi dara’ vari contentini, permettendo salvataggi in extremis di Banche e Stati, stampe di denaro al buon Draghi, e Bond europei per somme parziali. Pero’ non mollera’ l’osso, e non consentira’ la soluzione 1) di cui sopra, se no le elezioni le perderebbe in partenza. Peccato, che questa politica, non potra’ che far intensificare la crisi, con una tendenza al progressivo deterioramento finanziario, economico ed industriale dell’Europa, con un danno incommensurabile sui paesi periferici, che non ne usciranno risanati, ma semplicemente con le ossa rotte. Ovviamente, cio’ accadra’ sia che costoro applichino pedestramente le ricette che vengono loro imposte da Bruxelles, sia che non lo facciano (la cosa, operativamente parlando, e’ onestamente secondaria, a questo punto della partita).
L’unica cosa incerta, e’ capire se la baracca regge fino a settembre 2013, cosa di cui ho fortissimi dubbi. Di certo, comunque, per qualche mese, la situazione e’ destinata ad incancrenirsi.

Governo e Mosse Politiche in Italia: il clima di “sfascio” si accentuera’
Come gia’ scritto oltre 1 mese fa, c’e’ un buco di 20-25 miliardi. Vi rimando a questo mio fortunato articolo: VERSO LA BANCAROTTA: arriva un’altra conferma al BUCO DA 20-25 MILIARDI; s’avvicina la NUOVA MANOVRA
Ovviamente tutti negano, ma piano piano verra’ fuori (la cifra e’ quella, non si scappa). Il governo ne ha gia’ ammessi 4 questa settimana, e fino a 7 giorni fa negava. A breve ne verranno fuori altri. Inoltre all’orizzonte c’e’ il passaggio dell’IVA dal 21% al 23% gia’ in bilancio (se non lo si facesse, si creerebbe un buco aggiuntivo di 4 mld ulteriori nel 2012, e di oltre 10 nel 2013). Credo anche Monti abbia capito (mi auguro) che l’ulteriore aumenti IVA e’ suicida. Se non fanno l’aumento IVA il buco sale a 25-30 mld,  una voragine.
Per coprire cio’:
a) negheranno l’entita’ del buco reale (a meglio, lo ammetteranno un po’ alla volta)
b) chiederanno di spostare l’obiettivo deficit piu’ su (a dicembre 2011 era sul 2012 all’1,5%, ad aprile 2012 era 1,7%, e  finiranno a mendicare a Hollande e Merkel il 2,0-2,5%)
c) Dovranno raccattare comunque almeno 10 miliardi, come?  Meta’ dai tagli della spending review, Meta’ da ritocchini (addizionali, estimi IMU, benzina ove fosse necessario). Ovviamente i tagli teorici sul 2013 saranno di altra entita’ (immagino sui 15 mld almeno). Dove taglieranno? PA (blocco turn over, tagli stipendi alti), Acquisti, Investimenti
Il governo Monti fara’ queste azioni nei prossimi mesi,  ma da fine anno cessera’ di fatto qualsiasi attivita’, visto che a Marzo, immagino, voteremo.
Andremo a votare in un clima terrificante, in piena recessione, col paese a pezzi politicamente e dal punto di vista sociale.
L’esito piu’ verosimile e’ una Vittoria del Centro-Sinistra filo-Europeo, anche se verosimilmente ne vedremo delle belle, e verosimilmente accadra’ un forte rinnovamento dei partiti, tipo cio’ che accadde nel 1993-94.
Il punto e’, che da qui a Marzo 2013, gli attacchi sugli spread si intensificheranno, e quindi la situazione potrebbe avere evoluzioni fosche.
Conclusione: nell’attesa di settembre 2013, ne vedremo di tutti i colori
Aumentate il livello di guardia e di informazione personale, perche’ il peggio deve ancora arrivare. Prima delle prossime elezioni tedesche, non credo che l’attuale crisi venga ad una soluzione definitiva, salvo collasso complessivo del sistema.

GPG Imperatrice

Fonte articolo

Nessun commento:

Posta un commento