21/10/12

Il patto scellerato tra D’Alema e il suo amico di Arcore ...


In questi giorni il nome di Massimo D'alema è tornato molto in voga, "si candida? non si candida? glielo chiede il partito?" ... io sinceramente spero in un miracolo, se davvero esistono (e cioè che sparisca dalla politica Italiana), ma nel frattempo voglio riproporvi questa lettera (ripresa dal Post Viola) di Ferdinando Imposimato, presidente onorario aggiunto della Suprema Corte di Cassazione, che parla appunto dell'inossidabile D'alema, così giusto per far capire meglio (a quei pochi che ancora non l'hanno capito) di chi stiamo parlando!
Il patto scellerato tra D’Alema e il suo amico di Arcore

Fu Massimo D’Alema – lo diciamo da anni- che diede a Silvio Berlusconi, nel 1994, l’assicurazione che il suo impero mediatico non sarebbe stato toccato. Ignorava l’allora capo della opposizione che il 69,3% degli italiani decide come votare guardando la TV. La verità la confessò Luciano Violante nel febbraio 2002, quando disse, nello stupore del Paese: “L’on Berlusconi sa per certo che gli è stata data garanzia piena nel 1994 che non sarebbero state toccate le televisioni. Voi ci avete accusato, nonostante non avessimo fatto la legge sul conflitto di interessi e dichiarato eleggibile Berlusconi nonostante le concessioni”. E ciò in violazione della legge 30 marzo 1957, ignorando l’appello di Giorgio Bocca, Paolo Sylos Labini e Giuseppe Laterza. Non c’era stata ignoranza ma un consapevole patto scellerato tra D’Alema e il suo amico di Arcore.


Un regime nato e cresciuto sui rapporti con la mafia stragista, sui servizi deviati alleati della mafia, sui poteri occulti, sulle ingiustizie sociali, sui potentati economici, sulla umiliazione della scuola pubblica e dell’Università.


Ferdinando Imposimato

presidente onorario aggiunto della Suprema Corte di Cassazione


Fonte articolo

Nessun commento:

Posta un commento