31/10/12

Ponte nelle Alpi raccolta differenziata al 90%: l’assessore Ezio Orzes ci spiega come si fa




Questo comune in nove mesi di progetto è arrivato nel 2008 all’80% di differenziata e oggi è  al 90%.

Risultati che sono stati possibili attraverso la costruzione di una società pubblica Ponte Servizi, controllata direttamente dal comune che ne è socio unico. Nessun consiglio di amministrazione ma un amministratore unico, un pensionato che prende 10000 euro l’anno.

Un abbattimento del 92% dei costi di smaltimento, tanto quanto la produzione di rifiuto secco e un passaggio del costo complessivo del servizio da 950.000 euro del 2007 a 810.000 del 2011.

Il piano industriale di questa società non prevede aumenti di costi per i cittadini, la tassa imposta è composta da una parte fissa indispensabile per il mantenimento del servizio e una variabile. La seconda parte di questa quota viene attribuita premiando chi differenzia di più, quindi per esempio viene scontata del 30% per chi fa compostaggio domestico e viene calcolata in base agli svuotamenti  del contenitore del secco non riciclabile.

Ad ogni famiglia che vuole passare ai pannolini lavabili viene dato un contributo pari alla tonnellata di pannolini che dovrebbe essere smaltita in discarica.

Insomma ascoltate con le vostre orecchie e guardatevi il video, perchè queste non sono storielle inventate, ma testimonianze del fatto che quando vuole, un’amministrazione può fare tanto e non serve inventarsi nulla.
Buona visione.

di Simone Bernabè

Fonte articolo

Nessun commento:

Posta un commento