21/10/09

Ecco il vero complotto "ad orologeria":Mesiano promosso anche dal centrodestra

Le solite manfrine, le solite facce, la solita gente che è sempre pronta a ripetere il nuovo diktat come fosse un salmo responsoriale. Una settimana passata a parlare di “calzini turchesi” , di “stravaganze” che non lo sono e di cene “inneggianti” alla fine di Berlusconi descritte da testimoni oculari, ma top secret o di CSM schierato che “promuove i giudici anti-Berlusconi”. Il solito strano destino ha voluto infatti che la seduta per il passaggio di carriera del giudice Mesiano sia stata presieduta dal consigliere Michele Saponara, membro laico del CSM, ex parlamentare di Forza Italia ed ex sottosegretario di Stato all'Interno nei governi Berlusconi 2 e 3 . Chi di complotto ferisce di complotto subisce e ora alla luce dei fatti, una persona comune in questa situazione potrebbe trovarci chissà che collegamenti e dietrologie. Ora per assurdo, ragionando come un'agente Betulla qualsiasi, potremmo incredibilmente pensare che le motivazioni e la tempistica siano state scelte ad arte, tramite contatti nel CSM, per creare un aura di malafede e di dubbi nei confronti del Consiglio Superiore della Magistratura e del magistrato promosso. Un clima creato ad hoc sia per screditare la sentenza su Fininvest ma anche in vista della futura riforma della giustizia. Un teoria assurda? Certo, perché proprio nella nota del CSM le date delle decisioni prese in merito all promozione di Mesiano sarebbero antecedenti a tutto il resto, includendo chiaramente la sentenza Fininvest:

«Abbiamo seguito una procedura ordinaria. La pratica è stata aperta d'ufficio il 21 maggio scorso e il 29 settembre ha ricevuto il primo via libera dalla commissione competente, presieduta dal laico di centrodestra Michele Saponara. Tutto è avvenuto quindi, ben prima della sentenza di condanna della Fininvest che è stata depositata il 3 ottobre»

Basterebbe questa nota del CSM per far capire anche ai più interdetti la semplice inesistenza di qualsiasi ideologia o complotto, ma purtroppo non è cosi.
La mie teoria , per quanto assurda che sia, ha la stessa validità di quella che i vari Capezzone, Cicchitto, Gasparri, Pecorella, Bondi, Brachino, Feltri, Sallustri, etc etc. continuano a propinarci. C'è una sola differenza ed è quella che io non ho a disposizione ne giornali, ne portavoce, ne TV e radio per continuare a ripeterla, fino a farvela entrare in testa e convincervi che sia la verità.
Lo diceva anche Joseph Göbbels che «ripetere una bugia cento, mille, un milione di volte la fa diventare una verità
» e quindi, come non fidarsi del Ministro della Propaganda del Terzo Reich di Adolf Hitler.


Fonte articolo

Stop al consumo di territorio
La Casta dei giornali
Firma la petizione per dire NO al NUCLEARE.

Share/Save/Bookmark

1 commento:

  1. Anche io la penso come te, ovvero che siamo schiavi della tv.
    A volte mi piglia lo sconforto. Se senti in giro le persone dicono le solite ovvietà e niente potrà fargli cambiare idea perchè loro ogni giorno in tv sentono le solite cose.
    Cmq ho aggiunto il tuo blog fra i mei links
    Ciao

    RispondiElimina