30/10/09

SIGNORAGGIO E GRANDE FINANZA


Per rendersi meglio conto di che cosa sia il signoraggio della moneta e la perdita di sovranità monetaria ricorderò un aneddoto. Prima della istituzione della Federal Reserve, la banca centrale americana, un Rothschild che sarà poi uno dei principali azionisti della stessa, disse: “Datemi la possibilità di emettere la moneta di un paese e a me non interesserà chi scriverà le leggi”.
Per meglio capire il concetto poniamo che io possa concedere ad uno di voi la possibilità di battere moneta, cioè di far circolare danaro emesso da voi e stampato attraverso una qualunque tipografia. Che pacchia! Potreste comperare tutto quello che volete.
Inoltre vorrei chiedervi se vi siete chiesti perché la legge punisce chi falsifica il denaro. In fondo un poco di denaro in più in circolazione faciliterebbe solo gli scambi. Ma nel metterlo sul mercato essi potrebbero acquistare e venire in possesso di beni. Credo che voi stiate cominciando a capire che rinunciare alla sovranità monetaria e cedere il signoraggio della moneta da parte dei nostri governanti non sia un fatto puramente tecnico ma un fatto economico di primaria importanza per la nazione tutta, in altre parole, per i vostri interessi.

Le banche di preminente interesse nazionale, nazionalizzate dal regime fascista durante la crisi economica del 1929, erano azioniste della banca d’Italia. Esse sono state liberalizzate una decina di anni fa consegnando senza contropartite la Banca d’Italia stessa al controllo dei privati.
Da questa concessione nasce il debito pubblico verso agenzie private, che assorbe più del quindici per cento delle nostre tasse solo per gli interessi passivi fermo restando il debito di qualche centinaio di migliaia di euro per ciascuno (!) dei sessantamilioni di Italiani. Questo debito è verso le banche ora private proprietarie delle azioni della Banca d’Italia.
Un altro esempio per meglio comprendere il meccanismo della formazione del denaro è il seguente. Se dovete acquistare una abitazione per la vostra famiglia dovete accendere un mutuo con una finanziaria. Questa vi presta dei soldi che ottiene da una banca, che li ottiene a sua volta dalla banca d’Italia che li crea dal nulla e ve li presta ad interesse ma senza alcuna garanzia. In altre parole se il giorno dopo vi fosse una grave svalutazione della lira, finanziaria, banca intermediaria e Banca d’Italia non ne risponderebbero. Ci sarebbe da spiegare che cosa è una finanziaria: è una società intermediaria che specula sulla differenza di interessi fra quelli bancari e quelli del mutuo, insomma un ente che ha una funzione puramente parassitaria ai vostri danni. Naturalmente le strutture sopra descritte con il loro rastrellamento continuo di denaro non sono la causa prima della crisi anche se contribuiscono all’abbassamento del tenore di vita generale ed all’inflazione con la massa enorme di denaro a loro disposizione.

Vorrei finire con un’ultima osservazione. Questa crisi finanziaria non è la prima. La prima si è riscontrata una nel 1907, sempre partita da manovre finanziarie negli Stati Uniti. Si è iniziata con la propalazione di voci incontrollate che affermavano falsamente che alcune banche fossero sull’orlo del fallimento. Quando tutti i clienti si affrettarono a ritirare i propri depositi essa fu costretta a ritirare il credito ai propri clienti che avevano fatto mutui o prestiti con rimborso dilazionato, costringendoli a svendere beni e attività produttive. Da quanto sopra nacque un generale cataclisma economico per cui si ricorse al Banchiere Aldrich (che poi sposerà una Rothschild) che propose l’istituzione della Federal Reserve, una banca centrale privata, che avrebbe dovuto controllare tutte le attività bancarie americane per evitare il ripetersi di gravi turbolenze finanziarie.

Esse invece si ripeterono nel 1920 con un improvviso ritiro dei finanziamenti facili che fecero fallire cinquemila banche esterne al sistema Fed. Il fatto che l’evento sia accaduto appena finita la grande guerra del 1914-18, dimostra la favola delle guerre fatte per salvare l’economia: le guerre se mai vengono fatte approfittando delle crisi e con tale pretesto.

Anche la crisi del 1929 fu generata da Rockfeller ed altri banchieri che applicarono la clausola del Margin Load e, chiedendo la copertura immediata del debito, fecero fallire quindicimila banche fuori dal sistema Fed, mentre le banche del cartello, che avevano venduto prima le azioni a prezzi pieni, acquistarono banche, titoli ed attività di ogni genere a prezzi di realizzo.
Anche la crisi attuale è stata architettata dalla cupola finanziaria internazionale con il ridicolo pretesto delle inadempienze dei clienti sui mutui dei subprime. E’ infatti poco credibile che le banche si facciano imbrogliare da clienti di solito molto più sprovveduti di loro. Per capire che cosa succederà bisognerebbe sapere che cosa stanno pensando di fare nelle alte sfere della finanza transnazionale: non penso che stiano architettando niente di buono per noi.

di Vittoriano Peyrani

Fonte articolo

Stop al consumo di territorio
Porta la sporta

Share/Save/Bookmark

4 commenti:

  1. Bravo informazione senza filtro, io sono l'amm di Informare per resistere su facebook e cerco di senzibilizzare molto sull'argomento. Visto che sei una delle mie fonti importanti, sono contento che anche tu abbia iniziato a trattare dell'argomento.

    Con stima,

    Stefano Alletti

    RispondiElimina
  2. ti ringrazio Stefano, cmq per la cronaca su questo blog sn già stati postati molti articoli a riguardo ;)

    RispondiElimina
  3. Scusate la mia ignoranza e forse anche stupidità, ma se il problema degli stati è il debito verso le banche, perchè non si riprendono la stampa della moneta e annullano quella loro visto che sono gli Stati che fanno le leggi e possono legiferare in merito

    RispondiElimina
  4. giusta osservazione anonimo... non lo fanno forse per gli interessi (di alcuni) che ci sn dietro

    RispondiElimina