24/11/09

Giustizia e Berlusconi, persecuzione politica? Bufala pazzesca.

E’ nato prima l’uovo o la gallina? Le indagini su Berlusconi iniziano perché scende in politica? ASSOLUTAMENTE FALSO. Scrive il gip bresciano Carlo Bianchetti, il 15 maggio 2001, nell’ordinanza in cui archivia la denuncia del Cavaliere contro il pool di Milano: “Contrariamente a quanto si desume dalla prospettazione del denunciante, le iniziative giudiziarie che il pool Mani pulite, in uno dei numerosi filoni di Tangentopoli, aveva rivolto verso il dott. Berlusconi e le sue aziende, avevano preceduto e non seguito la sua decisione di ‘scendere in campo’. Al momento in cui egli aveva annunciato la volontà di partecipare alla competizione elettorale della primavera 1994 (26 gennaio 1994), la procura di Milano aveva già avviato svariati procedimenti per fatti concernenti lui e/o le sue aziende (…) compiendo, fra il 27 febbraio 1992 e il 20 luglio 1993, ben 25 accessi presso le diverse sedi Fininvest nonché presso Publitalia, al fine di eseguirvi perquisizioni, accertamenti, o per acquisirvi documenti (…). Si può affermare conclusivamente che l’impegno politico del denunciante e le indagini ai suoi danni non si pongono tra loro in rapporto di causa ed effetto (…). La prosecuzione di indagini già iniziate e l’avvio di ulteriori indagini collegate, in nessun modo possono connotarsi come attività giudiziaria originata dalla volontà di sanzionare il sopravvenuto impegno politico dell’indagato, e a tal fine diretta”.

Fonte articolo

Stop al consumo di territorio
Porta la sporta

Share/Save/Bookmark

Nessun commento:

Posta un commento