23/12/09

Giancarlo Cremona Sindaco di Morazzone

Mettiamo da parte ideologie come "destra" "centro" "sinistra" per un attimo e cerchiamo di seguire il buonsenso.
A casa nostra in famiglia quando abbiamo un problema economico cerchiamo o di risparmiare o di guadagnare di più possibilmente indebitandosi per il minor tempo possibile.
I soldi per una centrale nucleare si recuperano in 30-40 anni ( + spese SOGIN passate e future), mentre i costi di interventi di risparmio energetico + energie rinnovabili si recuperano in 10 anni. Visto che sarà crisi nera perchè non cercare di investire il più possibile in cose che ci portano risparmio e che sono veloci da attuare? Che vuol dire poter mettere i soldi risparmiati ogni anno a disposizione della collettività.
E' stato da poco approvato un decreto, si parla di benefici economici per i comuni e le regioni che ospiteranno le centrali nucleari.
Il dottor Federico Valerio sul suo blog si pone 3 domande sceme-sceme come le chiama lui:
  1. Chi paga?
  2. Quale danno viene risarcito a chi prende tutti questi soldi?
  3. Ma questo nucleare di terza generazione non era sicuro?
Ci si ostina a voler costruire un PONTE sullo stretto, questo video dice che costerà circa 6 miliardi senza avere la certezza che questo sarà un buon affare. In quale famiglia in un momento di crisi nera si rinuncia ad un risparmio del 90% SICURO per una cifra X che forse nemmeno ci sarà, o che comunque avrà sempre grandi rischi e incognite?

Giancarlo Cremona Sindaco di Morazzone(Varese) nel video qui sotto ha realizzato cose interessanti nel suo comune, non sarebbe bello che questo pazzo fosse copiato da tutti i comuni in Italia?



Stop al consumo di territorio
Porta la sporta

Share/Save/Bookmark

Nessun commento:

Posta un commento