11/01/10

Promesse eterne, la farsa della riduzione delle tasse

Ricordate la campagna elettorale del PDL durante il governo Prodi? “Mortadella ci ammazza di tasse”, “Rialzati italia, meno tasse per tutti”, “Il governo delle tasse”. Berlusconi, anche grazie al solito potere mediatico, costruì nella mente degli italiani il famoso “Stato di polizia tributaria” che secondo le sue parole la sinistra vuole. Peccato che una volta eletto non ha mosso un dito per variare la situazione.

I berlusconiani adesso, in teoria, stanno pagando le stesse tasse imposte dal governo Prodi, ma ovviamente ora non si lamentano perché non c’è un solo minuto di telegiornale che denuncia l’attuale pressione fiscale.

Ho detto in teoria perché, magari le tasse sono rimaste invariate, ma per altri fattori la pressione fiscale italiana è salita ancora di più di quella sotto il governo Prodi. Avete capito bene. Il governo del “meno tasse” spreme di più i contribuenti. Ma come si dice? TV non lo fa vedere, cuore non duole.

Tutto questo senza contare l‘incredibile boom delle tasse locali. Nel 2010 le tasse locali cresceranno del 5,3%passando da 106,2 a 111,8 miliardi mentre quelle statali aumenteranno solo dello 0,7%. Lo studio è stato condotto da Krls Network of Business Ethics per conto dell’Associazione Contribuenti Italiani.

In tutto ciò il pluriprescritto cerca ancora di imbambolare e coltivare il suo elettorato con promesse da cabaret.Parla di ridurre le attuali cinque aliquote in vigore con solo due: una la 23% e l’altra al 33%.

Ma vediamo un attimo le aliquote attuali:

da 0 a 15.000 euro -- 23% -- 23% del reddito
da 15.000,01 a 28.000 euro -- 27% -- 3.450 + 27% sulla parte eccedente i 15.000 euro
da 28.000,01 a 55.000 euro -- 38% -- 6.960 + 38% sulla parte eccedente i 28.000 euro
da 55.000,01 a 75.000 euro -- 41% -- 17.220 + 41% sulla parte eccedente i 55.000 euro
oltre 75.000 euro -- 43% -- 25.420 + 43% sulla parte eccedente i 75.000 euro

Si capisce subito che la proposta di Berlusconi avvantaggerebbe solo i ricchi. Poiché se il pluriprescritto vuole fare solo due aliquote, una al 23% e una al 33%, il tutto andrà rimodulato per far pagare di più chi ad oggi paga meno del 33% perchè alla fine il totale prelevato deve risultare uguale. In pratica sarà avvantaggiato chi ad oggi paga dal 38% di aliquota in su e saranno svantaggiati tutti gli altri.

Sfortunati contribuenti che state sotto il 23%, ringraziate RE Silvio per questo ennesimo schiaffone. Guardate questo video e piangete.

Inoltre fatevi due risate grazie a questa immagine che raccoglie le promesse croniche di un vecchietto che ormai governa da quindici anni e gli italiani ancora gli credono.

Fonte articolo

Stop al consumo di territorio
Porta la sporta

Share/Save/Bookmark

Nessun commento:

Posta un commento