13/03/10

Grecia, anarchici e maialini.

Felice Capretta, sul suo blog, riporta la notizia dello sciopero generale in Grecia e ne sottolinea un aspetto divertente: il Corriere della Sera pubblica in home page una bella foto che ritrae alcuni manifestanti travestiti da maialini. Che carini! Che bella manifestazione, di quelle colorate, pacifiche, danzerecce e coi tamburelli che piacciono tanto ai governi... e che io personalmente odio dal più profondo.

La situazione è molto diversa dalle carnevalate per le strade. La Grecia è sull'orlo della rivoluzione, tutti i servizi (dagli aeroporti alle scuole ai supermercati) sono chiusi fino a nuovo ordine, e l'intera cittadinanza è in piazza contro le manovre governative per "il debito". Si vocifera persino che i poliziotti passino dalla parte dei manifestanti, cosa logica in una situazione del genere.

Possiamo immaginare il brivido gelato che corre per le schiene dei governanti di altri Paesi, specialmente quelli a rischio default ed ironicamente, appunto, definiti PIGS, al pensiero che anche i propri addormentati cittadini un bel giorno decidano di tirar fuori l'anima del combattente ateniese e mettere il Paese a ferro e fuoco. Per ovviare, si usano come sempre i media.

Provate a cercare in questo momento sulla home di Repubblica una qualsiasi notiziuola riguardante la Grecia: ebbene, ricerca vana. Che in un Paese europeo ci siano rivolte per le strade non fa notizia, meglio tacere (a meno che le rivolte non siano opera di sporchi negri, come nelle banlieue parigine: in tal caso se ne parla, tanto noialtri non rischiamo di identificarci), sia mai che qualcuno qui scopra che ci si può ribellare a misure ingiuste e assurde. Il Corriere dipinge il tutto come la solita manifestazione pacifica, ma altre testate fanno persino di peggio: provate a cercare su Google News le parole "Grecia anarchici" , scoprirete un mondo. Decine di testate italiane, inclusa L'Unità, l'ANSA, Repubblica di ieri, hanno descritto le rivolte come "scontri tra polizia e qualche centinaio di anarchici". Anarchici, vi rendete conto? Si sono trattenuti dal definirli "anarcoinsurrezionalisti" per un sussulto residuo di dignità.

L'informazione italiana tutta ha deciso di trasmettere al popolo la seguente descrizione: i greci manifestano pacificamente, e qualcuno dei soliti anarchici fa casino. Nulla di nuovo, insomma.

Invece no. Qui è un'intera popolazione europea che si sta ribellando a misure draconiane vòlte ad impoverire la gente per salvare il mercato e la finanza. Ma noi è meglio che non veniamo a saperlo.

Fonte articolo


Share/Save/Bookmark
add page

Nessun commento:

Posta un commento