28/03/11

Giappone: dateci il carburante!

600_japan_food_ap_1103212.jpg

L'avevo letto qualche giorno fa, e mi aveva fatto rabbrividire. Pensando a quanto sia davvero importante l'energia, e a come si scopra nei momenti più drammatici.

Questo, riportato dal Guardian, il grido di aiuto del sindaco di una città nel distretto di Fukushima:

Quello di cui abbiamo urgentemente bisogno ora è carburante, gasolio, acqua e cibo. Ma più di tutto il resto, abbiamo bisogno di carburante perché senza carburante non possiamo fare nulla. Non riusciamo a mantenerci al caldo o a far andare le pompe dell'acqua.

Si trovano nel mezzo di un disastro nucleare, preceduto da un terremoto gravissimo ed uno tsunami devastante, si presume abbiano bisogno di tutto e cosa chiedono per prima cosa? Cibo, acqua, riparo, medicine? No: il carburante.

Non si riesce a non mettersi nei loro panni, allora. Senza gasolio, non funziona nessun motore di emergenza: quelli che servono per le pompe dell'acqua, per la refrigerazione di cibo e farmaci; quelli degli ospedali o anche di improvvisate sale operatorie; non c'è illuminazione, non c'è acqua calda per lavarsi o per ripulire. Senza il gasolio "pesante", non funzionano gli impianti di riscaldamento, e da quelle parti nevica. Senza benzina o gasolio diesel, non vanno le ambulanze, i camion dei pompieri, le ruspe, indispensabili in un disastro come questo. Non si muovono neppure i camion, che portano cibo, acqua, coperte, aiuti; non circolano i mezzi in grado di trasportare volontari, medici, protezione civile, tecnici.

Quello che ci dice il sindaco è che, in un contesto fortemente urbanizzato, avere il cibo non basta, come non bastano acqua o medicine se non si è in grado di portarli a chi ne ha bisogno. Che non si può gravare sulla situazione sanitaria con arti congelati o bambini febbricitanti per il freddo; che bere e lavarsi sono la base dell'igiene che previene le epidemie.

Che non c'è aiuto che tenga, e non c'è modo di risollevarsi senza l'energia, l'energia come la conosciamo e come la usiamo oggi e da cui il nostro sistema di vita è totalmente dipendente. Più importante dell'energia resta solo l'aria.

Ma quella, a Fukushima, è già contaminata.

Fonte articolo

Nessun commento:

Posta un commento