25/05/11

Corte dei Conti, “abbassare le tasse è impensabile”

Il Governo si prepara a far pagare 40 miliardi ai contribuenti per risanare il deficit: dal 2013 il costo sarà di 46 miliardi, quanto l'entrata nell'Euro

La Corte dei Conti gela il Governo: "impraticabile qualsiasi riduzione della pressione fiscale". La promessa di Berlusconi - meno tasse per tutti - viene smentita per la terza volta. Da Palazzo Chigi si prepara una maxi manovra da 40 miliardi per ridurre il deficit pubblico - a spese dei contribuenti. E' lo stesso sacrificio richiesto per entrare nell'euro. E dal 2013 in poi si sale a 46 miliardi l'anno.

"Meno Tasse per tutti" era lo slogan elettorale di Forza Italia nel 2001, e prima ancora del “contratto con gli italiani". Nel 2008 torna con la promessa di riduzione delle tasse al di sotto del 40%, poi portata al 38% durante le elezioni. Quest'anno, in vista delle amministrative, l'annuncio è stato preciso: "Entro il 2013 meno tasse per le famiglie, il lavoro e la ricerca". E invece no. Secondo la Corte dei conti, le promesse elettorali del premier Berlusconi sono "impraticabili" e "impensabili".

La magistratura contabile ha presentato un rapporto drammatico sulla salute dei conti pubblici italiani: con la crisi finanziaria "si è verificata una perdita permanente di prodotto, calcolata a fine 2010 in 140 miliardi di euro e prevista a crescere a 160 miliardi nel 2013''. Per rispettare i nuovi vincoli europei sul debito, aggiunge la Corte, "occorrera' un intervento del 3% (del debito totale) all'anno, pari oggi a circa 46 miliardi'' per Italia. Non si tratta di una cifra astratta. E' lo stesso sacrificio richiesto ai cittadini italiani nel 1992-1995 per la moneta unica. Ora dovrà essere adottata ogni anno per riportare il paese a galla.

I numeri smentiscono così parole e promesse del governo. Nessun ministero al Nord; Standard&Poor's lo ha già definito "inutile e pericoloso", Alemanno lo ha liquidato come "una baggianata". A Napoli, mentre la monnezza resta nelle strade, si continua a promettere l'esenzione fiscale temporanea e si distribuisce il pane, continuando ad assicurare che "il Governo non ha mai messo le mani nelle tasche dei cittadini”. Ma com’è che oggi la pressione fiscale è attorno al 43% , e addirittura al 52% quella percepita?

La riforma dell'Irpef non è mai partita; l'Irap continua ad esistere, dopo le mille promesse di eliminazione di Berlusconi. Secondo uno studio della Banca Mondiale ("Paying Taxes 2011"), i tributi e i contributi sociali pesano sulle imprese italiane per il 68,6%, contro una media europea di 44,2% e mondiale di 47,8%. Su 183 Paesi esaminati dallo studio, l'Italia è al 17esimo posto nella graduatoria dei Paesi con la tassazione sulle imprese più elevata ed è la più alta in Europa.

Tremonti dice che "bisogna pensare a vivere, e poi a crescere". Ma non è che gli stia venendo molto bene la prima parte dello slogan.

Fonte articolo

468x60 Banner Città settembre 2010

Nessun commento:

Posta un commento