11/07/11

Meno male che siamo seri.


Gli avvoltoi hanno incominciato a girare sopra le nostre teste, attacchi speculativi che non vi dico, vertici europei che ci osservano preoccupati, sul tavolo il "caso-Italia". Le perdite su Piazza Affari, bund tedeschi mai così lontani, crollo bancario ed industriale, debito pubblico e disoccupazione, il tutto appesantito da un decennio di crescita zero. Stiamo rischiando grosso. "Se siamo seri, nessuna preoccupazione", ha detto il Presidente Napolitano.

Ah ecco, se siamo seri. Meno male che possiamo contare "sul prestigio e l'autorevolezza della nostra classe dirigente", altrimenti ... Dunque, il Presidente del Consiglio è appena stato riconfermato "corruttore di giudici" e dovrà sborsare mille miliardi di vecchie lire alla parte derubata, il processo per il suo vizio di frequentare prostitute minorenni prosegue assieme a tanti altri, e passa le giornate a cercare di capire in che modo occultare l'ultima legge ad personam architettata dai propri avvo-deputati. Il Governo, gran generatore di leggi vergogna, non ha più nemmeno il coraggio di prendersi la responsabilità delle proprie azioni, e campa al grido di "la salva-Fininvest? Non siamo stati noi!". La maggioranza è solida, il Presidente del Consiglio ha da poco presentato l'ultimo libro di Domenico Scilipoti e per qualche altra settimana non ci dovrebbero essere intoppi. La festa del Popolo delle Libertà si è appena conclusa: un tasso di pregiudicati che nemmeno a Secondigliano, ma ci sono state belle discussioni su "cultura e politica", e ci si è scatenati sulle note della "Cirillo band", l'unico gruppo musicale al mondo ancora disposto a suonare per il Pdl. La giunta per le autorizzazioni a procedere è attualmente intasata, i Pm vorrebbero arrestare un deputato al giorno ma la burocrazia richiede tempi lunghi. Gli scandali sono talmente tanti che non riusciamo nemmeno a tenerne il conto, che al centrodestra (e non solo) va bene così, così può continuare a sorreggersi sui Papa, sui Dell'Utri, sui Cosentino e sui Milanese. Dalla P2 siamo arrivati alla P4, i magnaccia del Premier sono stati arrestati, e le case pagate ad insaputa dei Ministri si sono già raddoppiate.

Pensate, un uomo di Governo è stato persino costretto a cambiare data e luogo del matrimonio, ma proprio all'ultimo, che orde di cittadini erano già sul piede di guerra. Meno male che c'è la Lega Nord, colonna di questo esecutivo. Mentre Renzo Bossi detto "il Trota" fa da traduttore al Cavaliere negli incontri con Hillary Clinton, l'establishment padano si dedica alle sagre paesane: dopo 10 anni di potere pensa di essere ancora all'opposizione, fa promesse che vengono tradite nel giro di poche ore, farfuglia robe riguardanti lo spostamento di strani ministeri in quel di Monza, ed il loro capo - parlamentare e ministro della Repubblica - si esprime da tempo solo mediante l'innalzamento e l'abbassamento del dito medio.




Ah già, Angela Merkel ha appena telefonato al Santo Papi per digli di muoversi con la manovra finanziaria, "che altrimenti sono cazzi". La manovra finanziaria è la nostra unica speranza, l'ultima ancora di salvezza (facciamo finta di non averla letta), l'Europa la pretende, i riflettori di tutto il continente sono puntati su quelle pagine, e noi fortunatamente, almeno stavolta, siamo messi bene. L'abbiamo già presentata. Così.

[Clicca per ingrandire]


Fonte articolo

Nessun commento:

Posta un commento