09/08/11

V for Vetrine.

londonriots.jpg

Stanotte non riuscivo a staccarmi dalle immagini in arrivo da Londra, e dai commenti degli inglesi. La stampa, la TV, persino la Rete stanno facendo quel che solitamente si fa anche qua: mandare di continuo immagini e racconti di rivoltosi che sfasciano le vetrine e si portano via i televisori. Blac bloc e spaccavetrine, conosciamo già la canzone.

La situazione è drammatica: in alcuni quartieri, turchi e curdi sono scesi in strada armati per fronteggiare i rivoltosi e difendere le proprie case; in altre zone, i cittadini sono rimasti al buio per tutta la notte a causa di blackouts; ho letto gente terrorizzata che twittava "si trovano a dieci minuti da casa mia, mi chiudo dentro".

Ci si chiede di continuo, tra noi disquisitori in pantofole, come mai nessuno si ribella e nessuno reagisce allo sfascio dell'economia e dello Stato sociale, alla mancanza di futuro e di prospettive per i giovani. Beh: ecco che invece reagiscono, i giovani emarginati delle periferie inglesi. Non vi garba? Cos'è che non vi garba?

"Dovrebbero assaltare le banche, il Parlamento, le ville dei miliardari, gli yacht dei Briatore di turno, la Borsa, le sedi finanziarie, invece sfasciano vetrine, saccheggiano e danno fuoco alle auto": questi i commenti che leggo in giro. Ma cosa credete? Se a rivoltarsi sono giovanissimi, spesso immigrati, usciti da scuole disastrate e a pezzi, che vivono in quartieri dormitorio tra discariche e centrali elettriche, che passano il tempo al centro commerciale, che non hanno un lavoro, a cui vengono tolti i fondi per le poche attività pubbliche presenti in loco, che non hanno prospettiva di alcun futuro e non hanno una lira in tasca, vi aspettate forse che escano in strada per leggere comunicati contro gli speculatori finanziari?

Fanno quello per cui sono stati accuratamente preparati da una scuola schifosa, una tv demente, un governo che punta a tenerli nell'ignoranza: spaccano tutto e si appropriano della roba, qualunque roba sia. Altri strumenti culturali e di critica al sistema proprio non ne posseggono, si è fatta molta attenzione a far sì che non ne abbiano nella speranza di poterli controllare meglio. E questo è il risultato.

Quando invochiamo la rivolta popolare anche qui in Italia, cerchiamo di avere ben presente chi sarà poi a scendere in piazza coi numeri. Un popolo che negli ultimi anni è stato educato solo da Lucignolo e OK il prezzo è giusto.

Fonte articolo

Nessun commento:

Posta un commento