13/01/12

Asta BTP: la "magia" del LTRO è inversamente proporzionale alla duration

Se qualche sognatore o meglio...se qualche fumatore di oppio
dal "miracolo" dell'asta BOT di ieri a rendimenti dimezzati rispetto all'asta precedente
avesse dedotto che l'Italia avrebbe risolto in un amen i suoi cronici problemi di Debitone Pubblico e di Economia asfittica e recessiva...
beh oggi ha dovuto bruscamente risvegliarsi dal sogno oppiaceo...
Infatti abbiamo avuto la prova del nove che l'inondazione di LTRO (vedi QUI se non sai cos'è sta diavoleria...) immessa dalla BCE il 21 Dicembre scorso
fa "miracoli" solo sui titoli di stato a bassa duration...perchè spinge le banche a fare dei redditizi carry trade di breve ed a basso rischio, il tutto a spese nostre (in ultima istanza)

Insomma, l'efficacia della MAGIA (illusionistica) del LTRO è inversamente proporzionale alla duration: più si allunga la duration più l'effetto incantesimo della riduzione del rendimento si attenua...
Infatti il LTRO è un "prestito" a 3 anni: dunque, con la santa benedizione della BCE, i tuoi carry trade te li puoi fare in scioltezza sul breve...
Sulle duration lunghe invece TORNANO A PREVALERE I FONDAMENTALI...
CON TUTTI I RISCHI ANNESSI&CONNESSI...
e dunque i LTRO-incantesimi perdono efficacia ed i giochi diventano.....per duri e non per paraculati...
Italian BTP Auction Results Fixed Income
- Italian BTP auction for EUR 3bln, 4.25% Nov’14, bid/cover 1.218 vs. Prev. 1.36 (yield 4.83% vs. Prev. 5.620%)
- Italian BTP auction for EUR 971mln, 4.00% Aug’18, bid/cover 1.606 vs. Prev. 1.98 (yield 5.75% vs. Prev. 5.620%)

Mentre a Piazza Affari gli operatori valutano ancora gli esiti dell'asta dei Btp che è apparsa confortante solo per le scadenze a breve (luglio e novembre 2014), ma ha fornito un piccolo campanello d'allarme per quella a più lungo termine (agosto 2018), unica a non registrare alcun calo dei tassi nonostante l'importo esiguo collocato (500 milioni di euro)....
Riassumendo
Ieri sui BOT a breve scadenza i rendimenti si sono dimezzati
Oggi sul BTP a 3 anni (in area durata LTRO...) i rendimenti sono scendicchiati di un -0,8%, portando però ad un bid-to-cover sempre più risicato e desertico...
Sempre oggi sui BTP a 7 anni I RENDIMENTI SONO ADDIRITTURA SALITI ed il bid-to-cover è sceso....come se il mercato ci dicesse "io al 5,75% te li prendo 'sti BTP a 7 anni ma non facciamo certo la coda....se però mi darai di più di rendimento, allora magari...."

Insomma una prova del nove più chiara di così è difficile da trovare...
Dunque ringraziamo il LTRO per l'illusionistica magia sui BOT
e torniamo da subito a LAVORARE DURAMENTE per rimuovere I GRAVI PROBLEMI STRUTTURALI che ci hanno portato sull'orlo dell'abisso
e che SONO ANCORA (quasi) TUTTI LI'
(a parte qualche piccolo Monti-ritocco a suon di spremiture...)

Tra l'altro....
come sempre solo una piccola parte di questa LTRO-liquidità gentilmente concessa verrà re-immessa nell'economia reale, mentre la maggior parte verrà usata per speculare, sperando di colmare parzialmente i buchi neri...
L'inondazione precedente, invece di sanare le banche e di aiutare l'economia reale, fece questa fine:.......
Tracy Alloway: And that's an #LTRO record. The biggest one before was the one-year one from 2009 at €442bn.
About half of that was used for carry trade
Insomma.... le banche si misero a giocare al Casinò come prima, più di prima....
E' la stessa solfa da tre anni a questa parte: tutte le volte che dai qualcosa alle banche, quelle se la giocano, rischiando ancora di più per cercare di colmare le voragini precedenti...

Come un trader alle prime armi insomma che alla fine salta per aria...
ma con i soldi nostri....
Non a caso...con un tocco di Filosofia ancorata alle leggi della Fisica chiosavo sempre su twitter...

Visto che nulla si crea nulla si distrugge CHI PAGA?...: Oggi l´asta Bce con liquidità illimitata, attesa per una forte richiesta delle banche
Se nel 2009 ben la metà del LTRO andò giocata su carry trade speculativi...
secondo me questa volta i giochini verranno fatti con una parte ancora più elevata del LTRO concesso a 3 anni (nel 2009 era stato concesso "solo" ad 1 anno e si presentò come qualcosa di eccezionale): non a caso l'Italia e l'Eurozona stanno andando in Recessione, che notoriamente porta la sovra-struttura delle Banche (non dimentichiamoci infatti che la struttura è L'ECONOMIA REALE...) ad andare ancora più in sofferenza di quanto già non lo sia...
E le Banche (che ben si conoscono...) continuano a non fidarsi tra di loro:
L'interbancario resta in impasse: nuovo record per depositi presso BCE
L'interbancario resta in impasse: nuovo record per depositi presso BCETornano a salire, toccando un nuovo record, i depositi delle banche presso l'Eurotower dopo il live calo registrato la vigilia.
Secondo quanto riferito dalla Banca Centrale europea, ieri i depositi overnight si sono attestati a 489,9 miliardi di euro, rispetto ai 470,6 miliardi di mercoledì.
Si tratta dunque di un nuovo picco......

NOTA MAGICO-SURREALE:
visto che la magia del LTRO funziona assai bene fino ad 1 anno di duration,
chissà mai che quei CREATIVI APPRENDISTI STREGONI delle Banche Centrali e dei Ministeri del Tesoro non s'inventino il trucchetto di emettere solo titoli di stato a breve-brevissimo...magari con duration settimanale...:-) oppure con scadenza oraria....come il parcheggio....:-)
Vi sembra una prospettiva troppo surreale?
Ed invece ci stanno pensando....
Bot e titoli a brevissimo termine dell’Eurozona sono andati esauriti.
Tutto merito dell’iniezione di liquidità (e fiducia) della Bce fatta alle banche, che hanno scelto i titoli sovrani.
E allora, dopo questo successo, sorge un’idea: perché non rifinanziare in Bot tutto (o quasi tutto) il debito sovrano in scadenza?
Già, perché?..............
Si conferma quindi che la mega iniezione di liquidità della Bce sta venendo utilizzata dalle tesorerie bancarie anche per sottoscrivere debito sovrano a brevissimo termine
.
Come già segnalato, questo debito implica minore rischio di minusvalenze, vista la duration molto ridotta, e rischio di credito pressoché nullo
.....
A questo punto, la domanda sorge spontanea: non si potrebbe rifinanziare in Bot tutto o quasi tutto il debito sovrano in scadenza, visto che il suo costo è così contenuto?

In un universo normale la risposta sarebbe una grassa risata.
Esiste una cosa, chiamata rollover risk che postula che, al ridursi della vita media dello stock del debito, il rischio che i creditori alzino il sopracciglio ad ogni notizia negativa sul debitore (e fuggano nei casi più estremi) aumenta in modo esponenziale.
Certo, ma questo accade in un universo normale.
E cosa accadrebbe, invece, in un universo in cui la Banca centrale europea si inventasse delle aste di liquidità a tasso quasi nullo e per durata pluriennale, e magari promettesse di proseguire su questa strada a tempo indeterminato?
Accadrebbe che i debitori sovrani potrebbero emettere moltissimo debito a tassi prossimi allo zero, ed il mercato chiuderebbe (forse) entrambi gli occhi sul gigantesco rollover risk così costruito.
In attesa che, in un modo o nell’altro, la situazione si normalizzi e “passi la nottata” di una recessione destinata a picchiare molto duro, e a risolversi con molti anni di vacche magre.
Fantafinanza?
Forse, ma viviamo in un’epoca in cui la creatività dei banchieri centrali è risorsa più preziosa che mai
.....
Fonte articolo

Nessun commento:

Posta un commento