17/02/12

Fotovoltaico: sempre più difficile, arriva un'altra norma assurda

Una circolare del Ministero dell'Interno impedisce di fatto gli impianti fotovoltaici sui tetti.


Dopo il rumore generato dall'ormai famigerato art.65, quello che impedisce di fatto la realizzazione di fotovoltaico a terra (sembra che ora si abbia intenzione di rivederlo), arriva un'altra assurda norma.

Si tratta di una circolare del Ministero dell'Interno, dipartimento dei Vigili del Fuoco. Potete scaricarla da qui.

Cosa dice la circolare?

In pratica, rende quasi impossibile la realizzazione di impianti fotovoltaici sui tetti.

A pagina 3 della circolare si dice che gli elementi FV devono essere installati su "strutture ed elementi di copertura e/o di facciata incombustibili (Classe 0 DM 26/06/1984 oppure Classe 1 DM 10/03/2005)". Il requisito richiesto è unico al mondo: per questioni di "sicurezza", il tetto deve addirittura essere ignifugo. Neppure in USA, dove hanno le norme antincendio più severe, è richiesta una cosa simile.

Chi non ha una copertura in cemento armato, o in lamiera ignifuga, non potrà installare i pannelli, pensiamo ai capannoni e a tutti gli impianti industriali. Per tacere dei tetti isolati termicamente: spesso sono costruiti in legno, sughero, polistirolo, plastiche varie, tutta roba non ignifuga. Questa norma incredibile rappresenta una batosta per il nostro fotovoltaico, e persino per le nostre discariche: chiunque vorrà adeguarsi a quanto richiesto, dovrà smontare e gettare via metri e metri di materiale isolante, per ricostruire il tetto in lamiera.

Speriamo che qualcuno si accorga di quest'ennesima "precauzione" cretina.

Fonte articolo

Nessun commento:

Posta un commento