04/02/12

In rosso anche il Giappone, segnali del crollo di un altro impero

Il Giappone vacilla, lo yen è troppo forte.

I produttori giapponesi accumulano miliardi di yen di perdite, in parte derivante da un apprezzamento dello yen. Alcune aziende chiudono gli impianti e tagliano posti di lavoro, motore primario della crescita economica della nazione  per colpa della crisi del debito sovrano in Europa, delle inondazioni in Thailandia e delle misure di ristrutturazione interna.

I produttori di elettronica sono stati particolarmente colpiti.

Panasonic Corp. si aspetta una perdita netta record di 780 miliardi di yen (10,25 miliardi dollari) per l'anno fiscale che termina a marzo dovuta principalmente alle inondazioni in Thailandia e lo yen forte. Una proiezione del mese di ottobre dava invece un perdita stimabile di 420 miliardi di yen. La sua perdita record precedente era di 427,7 miliardi di yen nell'anno fiscale 2001.

Hitachi Ltd., la perdita di 787 miliardi di yen nell'anno fiscale 2008 si crede sia stato il  record negativo assoluto per un produttore giapponese.

Sharp Corp. prevede  una perdita record di 290 miliardi di yen.

Sony Corp. si aspetta di perdere 220 miliardi di yen, la sua quarta perdita annuale consecutiva.

Un funzionario Sharp ha dichiarato che vendendo all'estero più televisori aumentano le perdite.

NEC Corp., prevede di perdere 100 miliardi di yen e 10.000 posti di lavoro in patria e all'estero a causa delle inondazioni in Thailandia e la crisi del debito europeo.

TDK Corp.  produttore di componentistica elettronica chiuderà sette impianti in Giappone, anticipando una perdita di 11 miliardi di yen, dovute principalmente allo yen forte e alle inondazioni in Thailandia.

Ma l'industria dell'elettronica non è l'unica a perdere.

Mazda Motor Corp. si aspetta una perdita netta gruppo di 100 miliardi di yen nell'anno fiscale che termina a marzo.

Videogame Nintendo Co. e il gigante produttore di acciaio Sumitomo Metal Industries Ltd. prevedono 65 miliardi di yen e 55 miliardi di yen di perdite, rispettivamente. 

Il motivo fondamentale è il forte apprezzamento dello yen.  La valuta giapponese si è rafforzato di quasi 50 yen (76 circa oggi è il cambio yen per 1 dollaro)  rispetto ai 124 yen del 2007.

 In passato, le aziende manifatturiere hanno trasferito la produzione all'estero per fronteggiare  l'apprezzamento dello yen.

Adesso, molte aziende non sono state in grado di ridurre i costi abbastanza velocemente da compensare l'impatto del rafforzamento dello yen e hanno visto i loro profitti evaporare.

Le aziende non saranno più in grado di investire fondi sufficienti per la ricerca e lo sviluppo nonché per la  produzione, che erodere la loro competitività.

Per i produttori di elettronica, per le imprese televisive, percettori di profitto, una volta fondamentali, si sono portati ai livelli più bassi come non mai.

Nei mercati statunitensi ed europei, la feroce concorrenza sui prezzi con la Corea del Sud e altri rivali, accoppiato con uno yen forte, ha spremuto i guadagni.

Lo yen forte ha dimezzato le vendite dei televisori  in un anno.

La crisi del debito sovrano europeo è anche il rallentamento della crescita nelle economie emergenti in Asia e altrove, ha morso crudamente le vendite di televisori e altri dispositivi elettronici.

Si sono ridotte anche le vendite dei televisori nello stesso Giappone dopo la fine del  programmadel governo che aveva disposto  sovvenzioni  per l'inizio delle trasmissioni in digitale terrestre, che aveva creato una forte domanda per la sostituzione di vecchi apparecchi.

La Sharp, ha visto rinsecchire le vendite dei televisori sul mercato interno nel periodo ottobre-dicembre di oltre il 70 % rispetto all'anno precedente.  "Non avremmo potuto immaginare un tale forte calo della domanda", ha detto un funzionario.

Nell'anno fiscale che si concluderà a marzo, la Toshiba Corp. subirà una perdita di oltre 40 miliardi di yen nella sua attività di vendita di TV dovuta principalmente ad un calo delle vendite sul mercato interno. La società era riuscita a fare incassi sulle TV a partire dal 2008.

Nel mese di gennaio, Hitachi Ltd. ha deciso di chiudere la produzione di televisori.

(da Asahi Shimbun online)

Prosegue inesorabile l'effetto domino nonostante le cantilene dei narratori, degli illusionisti, della favola della crescita, crescita, crescita.

Fonte articolo

Nessun commento:

Posta un commento