13/04/12

Rosy Mauro O’Hara. Dimettermi? Domani è un altro giorno, si vedrà

Rosy Mauro Espulsione lega Nord Dimissioni Rossella O'Hara Clark Gable Claudio Messora Byoblu Byoblu.com
le dichiarazioni di Rosy Mauro O'Hara dopo la sua espulsione dalla Lega

 La Rossella O’Hara della politica italiana, Rosy Mauro, accusata di avere distratto fondi pubblici della Lega per pagare diplomi e lauree al suo presunto amante, il poliziotto Pier Moscagiuro, è serafica come Vivien Leigh nell’ultima scena di Via col Vento. Le chiedono se finalmente si dimetterà dalla carica di vice-presidente del Senato, occupata pur essendo per sua stessa ammissione “un’asina” (ipse dixit a Porta a Porta), e lei risponde: “Vedremo: domani è un altro giorno”. Clark Gable la guarda schifato.

 Per loro è sempre un “vedremo”. La parola d’ordine è “domani”. Devono tagliarsi gli stipendi? Vedremo, prima c’è da capire qual è la media europea. E siccome la media europea è difficile da calcolare, allora non si tagliano più niente. Devono dimezzare il numero dei Parlamentari? Vedremo, prima c’è da fare un disegno di legge costituzionale. E siccome è una cosa lunga, allora non dimezzano più niente. Devono mollare una poltrona? Vedremo, domani, prima bisogna valutare bene. Forse bisogna capire qual è la media europea dei dimissionari. Tanto, se abbiamo mandato “un’asina” a fare la vice-presidente del Senato (con i risultati che si sono visti), gli asini si sa che sono refrattari a muoversi dal loro posto: recalcitrano.

 Intanto che loro vedono, le pensioni si tagliano, i pieni di benzina sono talmente cari che c’è chi blinda i serbatoi delle auto, i vecchietti negli ospizi pagano l’IMU, le tasse aumentano e i rendimenti dei titoli di stato schizzano alle stelle. Il che significa più debito pubblico. Il che significa più tasse. Il che significa più povertà e più fame nera.

 L’unica cosa che devono “vedere” è come togliersi dalle balle il più in fretta possibile, sostituiti da una classe di cittadini nuova. Qualunque cosa, credetemi, è meglio di loro. Noi, per esempio, siamo meglio.

Fonte articolo

Nessun commento:

Posta un commento