27/07/12

Fotovoltaico: ora si socializzano le perdite del termoelettrico


Il 3 Maggio scorso si verificò un evento storico nella produzione energetica italiana: fu "il giovedì in cui l'energia costava zero", grazie al boom del fotovoltaico italiano, ove profetizzai che presto nuove leggi e decreti avrebbero protetto la lobby dei produttori di termoelettrico.

Da quel giorno, è infatti cominciata la battaglia dei produttori tradizionali contro la produzione di energia rinnovabile, che li costringeva a rimetterci fior di soldoni. "Non cederanno senza combattere", qui raccontavamo la storia successiva.

Con buona pace delle tanto sacre leggi del mercato, si è cercato in tutti i modi di porre un freno all'enorme produzione italiana di energia gratuita solare affinché le centrali a olio combustibile e turbogas non dovessero chiudere i battenti. Il bello è che abbiamo praticamente un problema di sovrapproduzione (ma non dovevamo fare le urgentissime centrali nucleari? Ora si scopre che abbiamo energia in avanzo?), e quindi invece di privilegiare il rinnovabile lo si blocca.

Come? Col trucchetto del capacity payment, ovvero le centrali saranno ora remunerate in base alla potenza e non alla produzione effettiva. Tutto ciò serve, ehhh, per "stabilizzare la produzione". Toh. E chi paga? Pantalone, con altri soldi presi dalla bolletta. Socializziamo le perdite dei prenditori, come al solito. Ci si incavola persino Confindustria, il che è tutto dire. Ma un senatore risponde indignato, e difende il capacity payment: un senatore del PD, naturalmente. Quando c'è di mezzo l'Enel sono sempre in prima fila.

Intanto, ad agosto distacchi programmati per gli impianti fotovoltaici. Producono troppo, ancora.

di Debora Billi

Fonte articolo

Nessun commento:

Posta un commento