23/10/09

Polizia in sciopero! Ecco a voi il Governo della Sicurezza.

sciopero polizia

Ricordate il periodo del martellamento mediatico sull’emergenza sicurezza? A quei tempi c’era il Governo Prodi ed alla banda del PDL-Lega serviva un argomento su cui fare leva populistica. Quando c’è di mezzo la paura, la tensione, il terrore, le masse diventano facilmente manovrabili. Quale migliore soluzione per attirare consenso se non quello dell’emergenza sicurezza?

I telegiornali ci bombardavano di servizi, approfondimenti, notizie su stupri, rapine, immigrazione pericolosa, ecc. L’Italia descritta dalle TV sembrava un paese in guerra. Il governo Prodi cadde. E promettendo più sicurezza per tutti il governo di centrodestra salì al potere.

Di acqua sotto i ponti ne è passata da quei giorni. Cosa ha fatto davvero questo governo per la nostra sicurezza? La risposta è niente! Anzi, ha peggiorato la situazione. L’unica differenza è che ora non si avverte una condizione di emergenza perché lo specchio del paese, la TV, non ne parla.

A dire che le cose sono peggiorate non siamo noi. Sono quegli sporchi comunisti della polizia che hanno indetto uno sciopero nazionale.

I Sindacati della Polizia di Stato, Polizia Penitenziaria e Corpo Forestale sono scesi nuovamente in piazza per chiedere al Governo “risposte concrete” di fronte ai tagli al Comparto Sicurezza. Previsti tre sit in davanti al Viminale, al Ministero della Giustizia e al ministero delle Politiche agricole. Subito dopo i manifestanti si trasferiranno in piazza Montecitorio per proseguire nella protesta. Lo stato di agitazione culminerà con una manifestazione nazionale a Roma il 28 ottobre. (Fonte)

I SINDACATI DELLA POLIZIA MANIFESTANO

  • PER un migliore e più efficiente modello di sicurezza ancora solo annunciato dal Governo;
  • CONTRO la mancanza di adeguati investimenti in risorse, mezzi ed infrastrutture che rischia di produrre il collasso del sistema sicurezza;
  • PER valorizzare la funzione del nostro lavoro destinando risorse per la specificità di impiego e compensare la connessa limitazione di diritti fondamentali;
  • CONTRO un esiguo ed offensivo aumento del contratto collettivo di lavoro per il biennio 2008/2009, scaduto da due anni, pari a circa 40 euro;
  • PER un serio investimento finalizzato a riordinare compiti e funzioni degli operatori, in un’ottica di necessario ammodernamento e riorganizzazione degli apparati di polizia;
  • CONTRO l’isolamento sociale e le condizioni di disagio professionale ed alloggiativo vissuto dagli operatori della sicurezza;
  • PER l’immediato avvio della previdenza complementare per garantire pensioni dignitose al personale più giovane;
  • CONTRO l’eccessivo innalzamento dell’età media giunta oramai a oggi di 43 anni;
  • PER la detassazione delle indennità operative di polizia e la tredicesima mensilità.
  • CONTRO l’impossibilità di assicurare ai lavoratori di polizia la mobilità desiderata o politiche di sostegno che rendano meno problematica la loro vita lontana dagli affetti.

Qui il volantino della protesta

Secondo voi Minzolini farà passare questa notizia sul TG1?

Fonte articolo

Stop al consumo di territorio
La Casta dei giornali
Firma la petizione per dire NO al NUCLEARE.

Share/Save/Bookmark

Nessun commento:

Posta un commento