11/11/09

Impregilo-Bassolino, in aula i consulenti della procura


Udienza del processo Impregilo Bassolino, nell’aula bunker del carcere di Poggiroeale a Napoli oggi hanno deposto Mauro Sanna e Massimo Fallemi, ingegneri chimici nominati consulenti dalla procura nel 2003. Il loro compito fu quello di verificare cosa accadeva nei sette impianti di incenerimento della Campania, in cui venivano smistati e inceneriti i rifiuti. La verifica si svolse nella sola giornata del 4 febbraio del 2004 in tutti gli impianti.
Entrambi hanno sostanzialmente confermato ciò che hanno già detto i testimoni precedenti: impianti in manutenzione o funzionanti a regime ridotto, nessuna differenziazione dei rifiuti, sacchi rotti e monnezza sparpagliata che veniva tutta incenerita senza essere triturata e senza raggiungere il potere calorifico necessario a produrre energia.

Fallemi, rispondendo a una domanda dell’avvocato Garaventa che difende Impregilo, non ha saputo ricordare le tappe eseguite in quella giornata. E questo la dice lunga sulla puntigliosità del ruolo di un consulente, pagato da una procura per lavorare ai fini della più grande inchiesta in tema di disastro ambientale e rifiuti che l’Italia ricordi.
Ultima chicca: secondo le dichiarazioni di Sanna il commissario Bassolino era al corrente dell’andazzo.

Il calendario delle prossime udienze di questo complesso e un po’ farraginoso processo, prevede ancora tre dibattimenti entro fine 2009, il primo è previsto mercoledì prossimo, quelli a seguire saranno il 9 e il 16 dicembre, mentre nel 2010 sono previste 17 udienze entro il 30 giugno. 15 i testimoni finora sentiti, 400 circa ancora quelli da sentire. Se consideriamo che in ogni udienza se ne sentono al massimo due, c’è da ritenere che questo processo non arrivi nemmeno a sentenza di primo grado. Sempre che i giudici non ne stralcino un po’. Del resto il reato di abuso d’ufficio di cui è imputato Bassolino va in prescrizione nel luglio del 2011, quello di truffa di cui risponde Impregilo ci andrà nel dicembre dello stesso anno.

Nessun trasferimento, invece, per i pm Noviello e Sirleo, titolari di questo processo, come i giornali hanno scritto qualche settimana fa. Pare ci abbiano ripensato accogliendo l’invito a rimanere da parte del procuratore generale Lepore.

Fonte articolo

Stop al consumo di territorio
Porta la sporta

Share/Save/Bookmark

Nessun commento:

Posta un commento