29/12/09

L’Italia affonda, ma loro parlano di impunità parlamentare

Stamattina ho letto alcune notizie a caso dal solito forum dal quale mi informo.

La prima è un articolo del Sole24Ore che finalmente smaschera l’ottimismo del governo sulla crisi finanziaria. Il titolo dell’articolo già dice tutto: L’Europa e la spada di Damocle del debito a scadenza 2010. Per farla breve, l’Italia, seconda solo alla Grecia, nell’anno che sta per venire avrà un fabbisogno economico di ben 256 miliardi di euro. Nel 2010 i paesi dell’Unione europea dovranno rimborsare la bellezza di 721,1 miliardi di euro di titoli di stato. Di questi 148,5 dovranno uscire dalle casse del Tesoro italiano.

Una massa di debito pubblico e privato che grava come una spada di Damocle sulle speranze di ripresa dell’economia. Poche settimane fa era stato lo stesso governatore della banca d’Italia Mario Draghi a lanciare l’allarme sui «4 trilioni di dollari di debito privato a bassa qualità garantito da proprietà edilizia, asset soggetto a perdita di valore, in scadenza nei prossimi anni». Finora la situazione è rimasta sotto controllo. Anche grazie ai bassi tassi d’interesse. Ma il costo del denaro non potrà rimanere a questi livelli per sempre. (Sole24Ore)

Ciò significa che si rendono necessari nuovi tagli per contenere il deficit. Nuovi tagli significano meno soldi per tutto e tutti, che si traducono ovviamente in meno posti di lavoro e in una crisi sempre più tagliente. Inoltre bisogna comunque sperare che il prezzo del denaro non aumenti troppo… se no ci sono poche speranze per la nostra nazione.

Un’altra notizia che mi è saltata subito all’occhio è un altro articolo del Sole24Ore che si intitola: Istat: fino a 40 anni i giovani a casa con mamma e papà.

Giovani a casa con mamma e papà: il 72,9% degli italiani fra i 18 e i 39 anni vive ancora con i propri genitori. Solo il 20,8% ha lasciato la famiglia di origine. Lo dice l’Istat in un rapporto pubblicato oggi. Quello dei “mammoni per forza” è un vero e proprio problema strutturale del sistema Italia, rileva l’Istat, dovuto principalmente alla difficoltà di trovare lavoro e casa: se poi si è donna e si vive nelle regioni meridionali, gli elementi di criticità si aggravano ulteriormente. E la possibilità di fare figli si allontana. (Sole24Ore)

Uno dopo che legge queste notizie CATASTROFICHE, che ovviamente non riescono minimamente a scalfire il muro minzoliniano di disinformazione che regna nelle TV, si aspetta di leggere anche annunci di riforme economiche rassicuranti da parte del governo.

Ma questo non è un paese normale. Infatti apro un terzo articolo a caso del Sole24Ore e cosa leggo? Brunetta: ripristinare l’immunità parlamentare.

«In questo momento – ha affermato il ministro – la magistratura ha più potere della politica. Mentre la magistratura può condizionare la politica in maniera pesante con l’uso politico che si fa della giustizia, il potere politico, cioè quello eletto dal popolo, spesso è in balia della cattiva giustizia. Bisogna ripristinare questo equilibrio». «I padri costituenti – ha aggiunto – l’avevano previsto chiaramente: l’immunità parlamentare, non impunità ma immunità parlamentare che consenta a tutti i parlamentari di essere liberi». (Brunetta)

Senza pudore. Senza ritegno. Non conoscono vergogna. In Italia la gente muore di fame. I giovani non hanno futuro. Non c’è segno di ripresa, tutto fa credere che il 2010 sarà ancora peggio del 2009… e loro di cosa parlano? Di IMPUNITA’??? Ma andate a FANCULO.

Fonte articolo

Stop al consumo di territorio
Porta la sporta

Share/Save/Bookmark

1 commento:

  1. Una situazione aberrante! Ma come possiamo reagire a questa guerra in corso?
    Noi giovani senza futuro che dobbiamo fare?
    Grazie per l'informazioni.

    RispondiElimina