23/01/10

PIERSILVIO E SILVIO BERLUSCONI INDAGATI - INCHIESTA MEDIATRADE-RTI

MILANO - C’è anche Piersilvio Berlusconi tra gli indagati nell’inchiesta Mediatrade-Rti sulla compravendita dei diritti televisivi, per la quale oggi il pm di Milano Fabio De Pasquale ha notificato l’avviso di conclusione delle indagini. Il figlio del premier – sotto inchiesta insieme al padre – è stato consigliere di amministrazione e vice presidente della società finita nel mirino dei pm.
Il reato contestato a Silvio Berlusconi è quello di appropriazione indebita, come già all’inizio dell’inchiesta; mentre per Piersilvio è ipotizzata la frode fiscale. Le persone indagate nel filone di inchiesta Mediatrade sono in tutto 12, tra cui anche Fedele Confalonieri, il banchiere Paolo Del Bue, il produttore Frank Agrama, tre dirigenti di Mediaset e due cittadini di Hong Kong.
La chiusura delle indagini prelude alla richiesta di rinvio a giudizio e a un nuovo processo. L’inchiesta è nata da uno stralcio da quella principale avvenuto nel 2007, anno in cui Berlusconi venne indagato per concorso in appropriazione indebita in concorso con altri. In precedenza, nel corso dell’indagine Mediaset, nell’ottobre 2005, la Guardia di finanza aveva perquisito gli uffici di Rti, società controllata da Mediaset e che ha incorporato Mediatrade, la controllata chel gruppo che dal ‘99 aveva sostituito la maltese Ims nell’acquisto dei diritti tv. Sempre nell’ottobre di quell’anno, in Svizzera, vennero sequestrati sui conti di una società con sede a Hong Kong di Agrama, ritenuto dagli inquirenti “socio occulto” del premier, una somma in franchi svizzeri equivalente a circa 100 milioni di euro.

Fonte articolo

Stop al consumo di territorio
Porta la sporta

Share/Save/Bookmark
add page

Nessun commento:

Posta un commento