21/06/10

Operazione catenaccio, martedì tutti a Roma!

Martedì 22 giugno, alle ore 15.00 di fronte al Palazzo del Quirinale a Roma, sit-in di protesta a sostegno del Comune di Camigliano (CE), del suo Sindaco Vincenzo Cenname e di tutto il consiglio comunale, sciolto venerdì per un’assurda Legge valida solo per la Campania, che impone a tutti i comuni la cessione della gestione diretta dei rifiuti per consegnarla a consorzi provinciali non meglio identificati…
Il Comune di Camigliano ha portato avanti in queste settimane una battaglia di principio e di buon senso, frutto del lavoro che ha visto il sindaco Cenname alla guida del comune dal 2007, regolarmente eletto dai cittadini.
In questi anni l’amministrazione di Camigliano ha dimostrato quanto sia possibile governare in quei territori spesso accostati a camorra, affari, speculazioni e sprechi, con onestà, trasparenza, efficacia e partecipazione.
Proprio per questo, come Associazione dei Comuni Virtuosi, abbiamo intuito da subito quanto la presa di posizione chiara e netta di Vincenzo Cenname fosse in realtà un sasso nello stagno della Politica nazionale e delle istituzioni che non poteva essere lasciato cadere invano, ma che andava immediatamente raccolto e rilanciato.
Il commissariamento è per noi un atto inaccettabile e vergognoso: si punisce un comune virtuoso in un territorio in cui le istituzioni vengono spesso percepite con fastidio, come soggetti lontani, inutili ed erogatori di clientele e interessi di parte.
Camigliano è un comune virtuoso, la sua battaglia è la nostra, il suo commissariamento è anche il nostro!
Al Presidente della Repubblica abbiamo scritto una lettera aperta, rimasta ancora senza risposta, chiedendogli di interessarsi alla questione, cercando di rimediare al cortocircuito burocratico che ha portato il commissario ad acta ad “occupare” il Municipio di Camigliano.
Visto il suo silenzio, martedì saremo sotto le finestre del Quirinale, nella speranza estrema che questa vicenda possa ancora risolversi nell’unico modo sensato possibile: in un Paese normale una classe dirigente come quella di Camigliano verrebbe presa a modello e punto di riferimento, non mandata a casa.
In questi giorni di mondiali di calcio, faremo dunque partire la nostra “OPERAZIONE CATENACCIO”: ci incateneremo simbolicamente all’abitazione della maggiore rappresentanza dello Stato, nella speranza che lo Stato non volti la testa dall’altra parte.

Chiediamo a tutti i cittadini, a tutti gli amministratori locali, a tutte le realtà associative istituzionali e non, di accompagnarci in questa protesta pacifica e ferma, manifestando la vostra adesione e il vostro sostegno in questo modo:

- inviando a tutti i deputati della Camera il testo del nostro manifesto

- inviando una mail a info@comunivirtuosi.org Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. con il vostro nominativo e comunicandoci la vostra partecipazione a Roma

- iscrivendovi alla pagina che abbiamo aperto su Facebook a sostegno di Camigliano

- sottoscrivendo la petizione on-line a favore del sindaco Vincenzo Cenname

- facendo circolare il più possibile la notizia!


Fonte articolo

Share/Save/Bookmark
add page

Nessun commento:

Posta un commento