31/07/10

Bomba biologica a Santa Giulia

copertina-barbacetto.jpg

Il business delle nuove costruzioni è lo smaltimento dei veleni tossici. Si sbanca, si sversa, e poi si costruisce. Al Sud come al Nord, soprattutto al Nord e specialmente a Milano, la capitale immorale d'Italia alla quale manca la penna di un Saviano per essere sputtanata in tutto il mondo. Se l'Universo criminale della Camorra e della distruzione della Campania è "Gomorra", l'hinterland milanese è "Sodoma". In Lombardia si compiono crimini contro l'umanità nell'indifferenza dei politici (Mortizia Moratti: "A Milano non c'è la mafia") e con il concorso delle banche che finanziano la distruzione del territorio, da City Life, all'Expo 2015 a Santa Giulia Montecity. Un mega quartiere residenziale usato per seppellire ogni tipo di rifiuto cancerogeno. Per mesi, di notte i camion hanno seppellito senza sosta sostanze tossiche. Dov'erano le autorità sempre pronte a multare i cittadini per ogni piccola irregolarità? Un milione di metri quadri per un valore speculativo di un miliardo di euro. Il terreno è ora sotto sequestro a seguito di una denuncia dell'Arpa. Due falde acquifere avvelenate con solventi clorurati, mercurio, tricloroetilene. I valori dell'inquinamento sono cento volte superiori ai limiti di legge e possono produrre danni irreparabili alle donne in attesa. Nel quartiere è stato costruito un asilo con 60 bambini, anche il vicino parco Trapezio è contaminato. La società Risanamento, quotata in Borsa, è proprietaria dell'area, il nome più adatto per le bonifiche della 'Ndrangheta.

Fonte articolo

add page

Nessun commento:

Posta un commento