26/10/10

Anno 2010: Come le mosche...(e siamo a 139)

Dal fronte delle too-big-to-fail.
Il colosso Bank of America continua la sua discesa in Borsa: ieri un altro -2,42% che la porta ad un passo dall'infrangere la soglia degli 11 dollari.
Anche le altre Big Banks americane accusano il colpo e perdono terreno.

...Bank of America ha ammesso per la prima volta di aver trovato alcuni errori nei documenti relativi ad una serie di pignoramenti eseguiti negli Stati Uniti. Una notizia che arriva proprio mentre l’istituti di credito ha appena cominciato il riesame di 102 mila casi.
I primi dati già sembrano allarmanti, se si considera che sul primo centinaio di procedure controllate a partire da lunedì scorso, sono stati considerati non corretti tra i 10 ed i 25 dossier.
Alcuni “difetti” - riferisce questa mattina il Wall Street Journal - sarebbero tuttavia di relativamente scarsa importanza, ma in altri mancherebbero le informazioni riguardanti la proprietà immobiliare in questione e la storia creditizia del debitore.
BofA ha però minimizzato, sostenendo di non aver scoperto ancora alcun pignoramento eseguito ingiustamente.
Occorrerà verificare cosa accadrà quando saranno state vagliati tutti i casi (per ora solamente l’1% delle pratiche è stato riaperto): soprattutto il colosso bancario americano dovrà fugare i dubbi di chi lo ha accusato nei mesi scorsi di aver utilizzato procedure automatiche (computerizzate) per gestire i dossier relativi ai mutuatari insolventi......

Vedi in questo BLOG
Non c'è pace per Bank of America
Foreclosure-gate: tutto è bene quel che finisce bene (per ora...)

Insomma le too-big-to-fail dimostrano per l'ennesima volta come la polvere tossica nascosta solo sotto al tappeto (con l'avvallo dei controllori) possa tornare fuori in qualunque momento ed in svariate modalità.

E pensare che in giro ci sono dei fessi patentati (oppure dei furbi...) che esultano sul fatto che il mega-piano di salvataggio delle banche USA da parte del Governo (TARP) non solo non avrebbe fatto perdere i soldi dei contribuenti ma addirittura avrebbe fatto guadagnare allo Stato ben 25 miliardi di dollari....
Ohhhhh.....un ottimo investimento! Anche perchè il peggio sarebbe ormai alle spalle....:-)
Come se le voragini trilionarie causate dal detonatore subprime e da tutto il castello di carte in leva si fossero "risanate" tranquillamente in due anni scarsi....
Come se il problema non fosse "strutturale e di metodo" da parte del sistema finanziario....ma solo un incidente di percorso che si lascia alle spalle.
Invece stiamo parlando di fuffa che ha generato per anni guadagni di fuffa: non vedo perchè questi fantomatici 25 miliardi di ipotetico guadagno da parte dello Stato USA dovrebbero rivelarsi un'eccezione.
Infatti sono stati prestati soldi ad un sistema bancario marcio che per almeno un decennio ha giocato pericolosamente al casinò (sulle nostre spalle).
Ed a tuttoggi quel sistema bancario è ancora marcio e continua a giocare pericolosamente al casinò come prima (sulle nostre spalle).
La fuffa porta a guadagni di fuffa ovvero a rischio ed effimeri: non dimentichiamocelo.

E per non pensare solo alla lontana Amerika...
- Il maxi aumento del Banco riaccende i fari sulle necessità di capitale delle banche italiane
(non mi esprimo su questa operazione ma quando si fanno degli ADC del genere....mmmmm....sento puzza di bruciato)
- Crisi: allerta banche in Belgio (Ansa)
In 13 messe sotto controllo, tra cui Bnp Paribas e Dexia

Vabbè....passiamo al fronte delle banchette made in USA con un breve aggiornamento della Telenovelas "Come le Mosche" (vedi puntata precedente).

Lo scorso week-end sono saltate ben 7 banchette americane, tutte assieme...
Alla faccia di chi in agosto si era esaltato per un week-end di pausa ;-)
Il conteggio dei caduti quest'anno è arrivato a 139 e sta per sorpassare il totale del 2009.
Continuando a questo ritmo potremmo chiudere l'anno a quota 175 fallimenti.
Ecco una tabella riassuntiva:

FDIC Bank Failures by Year
20073
200825
2009140
2010139
Total307

La lista delle banchette a rischio fallimento sale ad 871 per un totale di "potenziale voragine" da 400 miliardi di dollari circa.
Failures contributed to the Unofficial Problem Bank List changes this week. There were eight removals, with seven because of failure, and four additions, which leaves the list at 871 institutions with assets of $402.2 billion.

Mi chiedo: ma sei i casini delle foreclosures (pignoramenti) e degli MBS (mortgage backed securities) stanno facendo un brutto effetto sul maquillage di un colosso come Bank of America....tutto questo ambaradan che effetto potrebbe avere sul plotone delle banchette a rischio?
Pensateci su....

Fonte articolo

add page

Nessun commento:

Posta un commento