19/10/10

Scoppia la guerra tra l'acqua in bottiglia e l'acqua di rubinetto: pubblicità comparativa corretta?

Grazie alla segnalazione di un lettore scopro che è appena scoppiata la guerra tra l’acqua in bottiglia e l’acqua di rubinetto. Già da qualche settimana la Coop ha reso noto attraverso uno spot che è meglio bere acqua del rubinetto; ma se proprio si vuole bere acqua in bottiglia allora nei loro supermercati si trova quelle delle fonti più vicine al punto vendita. Luciana Littizzetto testimonia dell’operazione (il video dopo il salto).

Scrive Coop per la presentazione della campagna Acqua di casa mia:

Invitiamo i nostri soci e consumatori a riflettere: è bene sapere che per l’imbottigliamento e il trasporto su gomma di 100 litri d’acqua che viaggiano per 100 km (ma mediamente ne fanno di più) si producono emissioni almeno pari a 10 kg di CO2. Se invece si sceglie l’acqua di rubinetto per ogni 100 litri erogati si emettono circa 0,04 kg di CO2.

Ebbene gli industriali delle minerali non ci stanno e hanno iniziato a diffondere sulla stampa nazionale (per ora) il messaggio che vedete accanto, e che recita le virtù dell’acqua minerale (imbottigliata, beninteso) messe a confronto con quelle dell’acqua potabile che sgorga dal rubinetto. Diciamo che si tratta di pubblicità comparativa, fatta però non su due prodotti di pari livello, ma su un prodotto industriale commerciabile contro un servizio e bene pubblico.

Il punto secondo Mineracqua è che c’è un tratto distintivo tra il valore delle acque minerali imbottigliate rispetto alle acque potabili di rubinetto, sempre secondo gli industriali delle acque minerali:

L’acqua minerale può avere proprietà favorevoli per la salute indicate sull’etichetta e riconosciute dal Ministero della Salute; l’acqua del rubinetto è solo bevibile.

Ma tutti sappiamo benissimo che l’acqua potabile è altrettanto buona, sicura per la salute ricca di oligoelementi, sopratutto non inquina con le sue bottiglie di plastica e è anche economica.



Fonte articolo

add page

11 commenti:

  1. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  2. Ciao, io lavoro in un negozio che vende acqua minerale e bevande in genere. Non sto qui a difendere le acque minerali e tutti i loro benefici perché il discorso sarebbe troppo lungo ed eccessivamente prolisso.
    L'unica cosa che mi premeva specificare è che le acque minerali si vendono anche nel vetro a rendere e non solo nelle bottiglie in PET. La vendita del vetro a rendere viene molto spinta dalle fonti stesse e da noi rivenditori, per agevolare la riduzione dello smaltimento della plastica, in modo da unire i benefici della minerale, con l'ecologia del vetro.

    RispondiElimina
  3. sicuramente l'utilizzo del vetro è una buona pratica... ma nn si elimina il problema del trasporto...

    RispondiElimina
  4. È vero, non si elimina il problema del trasporto, ma le assicuro che i benefici che si traggono dalla minerale, potrebbero evitare il trasporto di certi medicinali di base, dalle case farmaceutiche alle farmacie.
    Non capisco perché ci sia tutto questo accanimento nei confronti dell'acqua minerale e non sui prodotti cosmetici, per esempio. Se ognuno di noi comprasse anche solo un semplice shampoo solido, anziché liquido, si risparmierebbero molti trasporti e molti contenitori di plastica, perché durano di più quelli solidi.
    Uno shampoo solido dura come tre bottiglie classiche di shampoo liquido, quindi tre bottiglie in meno da smaltire.
    Un camion di shampoo solido trasporta quantità di prodotto sufficiente per 800.000 lavaggi. Servirebbero 15 camion di shampoo liquido per ottenere lo stesso risultato. Ciò comporta meno inquinamento, o sbaglio?
    Allora perché tutti si fermano all'acqua minerale e non ad altri prodotti ben più superflui nella vita di tutti i giorni?! A lei è mai capitato di cambiare il tubo di un impianto idraulico di una casa di 15 anni? Pieno di terra, pietroline e oggetti non identificati. L'acqua che esce dai rubinetti passa di lì. I comuni italiani assicurano che l'acqua che esce dai loro acquedotti è potabile, ma non che sia potabile quella che esce dai nostri rubinetti. E vogliamo parlare di tutti questi filtri per l'acqua che vanno tanto ora? Lasciamo perdere, questa è un'altra storia.

    RispondiElimina
  5. mi sembra che tu abbia perso di vista il tema del post... si sta parlando di acqua che è una cosa che si trova in natura come l'aria... verissimo il discorso degli shampii, verissimo il discorso sui cosmetici, ma ti faccio notare che noi vivremo anche senza shampii e cosmetici, mentre la vedo dura vivere senza acqua... io personalmente preferisco che l'acqua sia in mano pubblica e non in mano a multinazionali che la imbottigliano al solo scopo di lucrarci... http://www.effettoterra.org/documenti/ambiente/notizie/imbottigliare_l_acqua_chi_ci_guadagna.html ad ognuno la propria opinione in merito, ma nn mischiamo il sacro (l'acqua) col profano (i cosmetici)... io ormai sn anni che bevo esclusivamente acqua del rubinetto e ti dico la verità non mi sn mai ammalato per colpa dell'acqua... cmq bisogna anche dire che l'acqua in bottiglia ha una durata troppo lunga per essere naturale, sicuramente gli viene messo dentro qualche conservante... io lavoro in un supermercato vogliamo anche parlare dello stato in cui viene conservata l'acqua in attesa di essere venduta? sulle confezioni c'è scritto conservare lontano dalla luce e da fonti di calore.... ti posso assicurare che le acque vengono conservate in magazzini al caldo e molto spesso sotto al sole... cmq che l'acqua in bottiglia inquini a bestia è un dato di fatto... come è un dato di fatto che si spende di più a riparare ai danni di certe pratiche rispetto ai benefici che queste portano... cmq come hai detto tu nel primo commento vendi acque minerali e bevande... non mi aspetto certo che un petroliere mi venga a dire che il petrolio va abolito perchè inquina ;)

    ciao buona giornata

    RispondiElimina
  6. No no no, fermi tutti. Anche io personalmente preferisco che l'acqua sia in mano pubblica e non in mano a privati. L'acqua che sgorga dai nostri rubinetti è giusto che rimanga pubblica secondo me, come secondo molti altri.
    La questione che voglio sostenere è che dalle nostre montagne sgorga un vero e proprio tesoro, delle acque di una purezza incredibile.
    Invece in certe zone d'Italia dai rubinetti esce dell'acqua con un residuo fisso troppo alto, con un'eccessiva durezza e molti altri valori sballati. Che poi quest'acqua possa andare bene ad una persona forte e robusta, non cagionevole, non lo metto in dubbio. Ma il nostro paese non è abitato solo da queste persone, ma anche da neonati, anziani, malati e persone cagionevoli a cui sinceramente sconsiglio vivamente di bere acqua del rubinetto, soprattutto se vivono in certe zone.
    Per quanto riguarda i conservanti e la data di scadenza, spero vivamente che lei stia scherzando!
    Secondo lei l'acqua avrebbe bisogno di una data di scadenza?! Nelle bottiglie di plastica la data di scadenza è inferiore (se non sbaglio è di due anni dall'imbottigliamento) perché la plastica rilascia sempre qualche sostanza, nel vetro la scadenza è più di due anni, ma lei crede che se viene conservata correttamente abbia bisogno di scadenza?! È acqua! Le assicuro e le do la mia parola (che per lei non varrà niente) che nelle acque minerali NON e ripeto NON vengono aggiunti conservanti e alcun tipo di altre sostanze. Nelle acque che non sono effervescenti naturalmente, viene aggiunta l'anidride carbonica per renderla frizzante e anche in questo caso c'è differenza nel metodo di gasatura perché alcune fonti usano il CO2 industriale per risparmiare (per capirci, quello per saldare il ferro) mentre altre fonti usano quello per alimenti.
    A proposito della conservazione dell'acqua le do piena ragione. Infatti i supermercati conservano i bancali d'acqua in maniera decisamente errata. Ci è anche capitato che alcuni clienti venissero a lamentarsi da noi per dei problemi che avevano riscontrato nella bottiglia o nel gusto dell'acqua stessa e poi si è scoperto che l'acqua di cui parlavano l'avevano presa al supermercato in quanto noi non trattavamo tale marca. Quello è un problema dei supermercati, non certo mio!
    Infine vorrei precisare che io non ci guadagno niente nel sostenere certe cose, non ho fatto pubblicità a nessuno, perché non sono nè proprietaria di una fonte, nè di un negozio. Io sono dipendente e non è neanche il lavoro che ritengo "della mia vita", lo stipendio a fine mese mi arriva lo stesso. Però in mezzo alle acque ci sono cresciuta, di storie di gente ne ho sentite di tutti i colori e potrei stare ore a raccontarle certe storie legate all'acqua minerale.
    Mi permetto di consigliarle solo una cosa: nel caso avrà o ha un bimbo, almeno nei primi sei mesi della sua vita, le dia acqua minerale, non per fare un piacere a me o alle fonti, ma ai reni di suo figlio.

    RispondiElimina
  7. "La questione che voglio sostenere è che dalle nostre montagne sgorga un vero e proprio tesoro, delle acque di una purezza incredibile."

    è un tesoro certo se bevuta li sul posto ma dal momento che dal monte in cui sgorga va imbottigliata e trasportata per centinaia di km il tesoro perde il suo valore...
    in parole povere tu dici che fa bene ai reni ok quindi conviene ammalarsi ai polmoni? boh a me sembra un circolo vizioso i benefici si perdono per strada e si sostituiscono con inquinamento spreco di risorse e problemi di rifiuti... ti sembra poco?
    l'acqua in bottiglia così come è concepita oggi è semplicemnte INSOSTENIBILE... cmq senza tirare in ballo i reni di mio figlio (che mi sembra un pò di cattivo gusto) è giusto che ognuno abbia le proprie idee... io ho fatto presenti le mie tramite il post tu le tue tramite i commenti, torto, ragione? tutto si giudica in base alla propria sensibilità che si ha verso tutto quello che ci circonda...

    RispondiElimina
  8. Infatti credo sia giusto che ogni acqua minerale rimanga nella sua regione. Che senso ha bere una famosa acqua dell'Umbria, anche in Piemonte? Solo marchio e speculazione.
    In qualunque caso rispetto ovviamente la sua opinione e concordo sul fatto che questa non è una questione di torto o ragione.
    Mi scuso se la questione dei reni di suo figlio sia stata interpretata di cattivo gusto, siccome proprio non era quello l'intento.
    Comunque grazie per avermi fatto chiarezza su certi punti, credo che venire a conoscenza di opinioni diverse, porti solo ad un arricchimento personale ed è questo che mi sento di aver condiviso con lei in questa discussione.

    RispondiElimina
  9. "credo che venire a conoscenza di opinioni diverse, porti solo ad un arricchimento personale ed è questo che mi sento di aver condiviso con lei in questa discussione."

    concordo al 100% con te...

    p.s.
    per favore smettila con il lei... non mi far sentire vecchio ;) (anche perchè non lo sono)

    ciao buona giornata

    RispondiElimina
  10. Rileggendo con più calma i commenti, nel punto in cui si parlava di non mischisare il sacro con il profano, a proposito dell'acqua e dei cosmetici, mi è venuto ora da precisare che appunto perché l'acqua è indispendabile, mentre i cosmetici sono assolutamente superflui, bisognerebbe fare più attenzione al trasporto e al consumo di quest'ultimi, piuttosto che accanirsi solo sul trasporto e il consumo dell'acqua minerale che è decisamente più benefica ed essenziale.
    E con ciò, basta, mi fermo. Quello che volevo precisare l'ho precisato, la mia opinione l'ho lasciata come credo sia giusto fare.
    Ti ringrazio per la condivisione delle opinioni e complimenti per il blog, ci ero finita ieri per caso in cerca di un posto sul web in cui trovare della vera informazione.
    Ciao e buona giornata!

    RispondiElimina
  11. "mi è venuto ora da precisare che appunto perché l'acqua è indispendabile, mentre i cosmetici sono assolutamente superflui, bisognerebbe fare più attenzione al trasporto e al consumo di quest'ultimi."

    io sn daccordo con te... ma nel post non si parla di cosmetici si parla di acqua...
    il blog appoggia km 0...

    l' italia è uno dei più grossi consumatori di acque in bottiglia...
    quanti camion girano sulle strade italiane? ...veramente una miriade, che fanno avanti indietro con pancali di acqua....

    quanti camion di cosmetici girano sulle strade italiane?... considerando anche la differenza di ingombro della merce un inezia in confronto...

    quante acque che si trovano regolarmente nei supermercati aggiungo realmente un qualche beneficio?

    per me gran parte dell'acqua in bottiglia è business... (non voglio assolutamente dire che i cosmetici non lo siano)

    RispondiElimina