15/04/11

Vittorio Arrigoni. Vivo, morto o X?

vittorio.jpg

Sono abbastanza scioccata fin da oggi pomeriggio, quando ho casualmente letto la news nel momento in cui usciva.

30 ore. E poi? Cosa sarà di lui? Non riesco a non pensare all'indimenticato Enzo Baldoni. Continuo a costruire ipotesi e a non credere a nessuna.

1) E' stato rapito da un gruppo mai sentito di cattivissimi islamici, talmente cattivi da minacciare persino Hamas, che fino a ieri era il cattivo più cattivo a disposizione. Sono saltati fuori dal nulla, appositamente per rapire Arrigoni e far sembrare Hamas un governo di pecorelle tremanti. Non solo: sono dotati di menti raffinatissime. Per liberare detenuti di un'oscura setta islamica chi ti vanno a rapire? Un italiano. Hamas è proprio nei casini, non c'è dubbio. Hanno anche dichiarato di aver scelto Vittorio perché è un occidentale che inquina le menti religiose mettendo la minigonna con il suo stile di vita decadente. Mah.

2) Vittorio aveva una taglia sulla testa da un bel po' di tempo. Era l'unico occidentale con residenza permanente a Gaza, da cui inviava di continuo reportages e informazioni sia sulla vita della popolazione, sia sugli eventi di guerre passate e prossime. Prossime: perché Vittorio stava giusto raccontando, in questi giorni, che è imminente un altro attacco a Gaza. Un sacco di gente non vedeva l'ora di toglierselo di torno. Ma sparagli a freddo pare brutto, e poi ci si fa cattiva fama, visto che comunque era un pacifista, un volontario e un giornalista. Molto meglio rapirlo, squadernare su tutti i media i video con Vittorio legato, picchiato, tra urla di pazzoidi che inveiscono in arabo. Così la figuraccia la fanno gli islamici, e si dà una bella lezioncina a chi avesse qualche velleità di imitarlo. Visto, a farsi amici di tali serpenti? Prima o poi, vedi, ti mordono.

3) Non si sa chi l'abbia rapito davvero, ma forse è qualcuno che ha voglia di metterci in difficoltà. Per dire, magari era stato chiesto più volte di far rientrare il rompiscatole, ma nessuno aveva mai raccolto il velato messaggio.

Oppure, perché no, è un modo di offrire al governo italiano una buona opportunità. L'Italia non alzò un dito per salvare Baldoni: per Arrigoni sarà lo stesso, oppure possiamo augurarci un altro Calipari pronto a salvare un altro corrispondente del Manifesto? Anche perché se si riporta a casa Vittorio, chi gestisce la faccenda otterrebbe due vantaggi: una bella figura per Frattini e compagnia cantante, e Arrigoni fora dai ball in Italia anziché a fare danni a Gaza. Se domattina Frattini si esporrà, forse Vittorio salva la buccia. Capisco che è una versione un po' contorta e complottista, ma non posso che augurarmi che sia questa l'ipotesi giusta.

Perché le altre due soluzioni non mi piacciono per niente.

Fonte articolo

Nessun commento:

Posta un commento