22/01/12

Il Nuovo Mondo Collettivo


Sono ormai in molti ad aver capito che la democrazia, così com'è stata pensata finora, altri non è che una favola per bambini. Si parla di politica dal basso, di politica delle soluzioni, di democrazia diretta, ma come è possibile raggiungere tali modelli che sembrano, ancora oggi, distanti ed utopici?

Una chiave può di sicuro essere la rete e la sua tendenza a far evolvere l'uomo verso una forma d'intelligenza che diviene sempre più ampia e collettiva. Intelligenza collettiva significa che se una persona risolve un problema, automaticamente tale problema è risolto in tutto il mondo e se c'è un problema che non è possibile risolvere come singolo, attraverso la rete si creano gruppi di lavoro formati da persone che senza essere nello stesso luogo - e nello stesso momento - collaborano insieme e lo risolvono. Tale concetto è associabile a quello di web democracy, una forma di democrazia diretta che ha come fulcro il web. Creando una struttura che vede, ad esempio, tutti i cittadini di un comune sempre interconnessi, è possibile dar vita ad un sistema che permette a ciascuno di proporre soluzioni a problemi comuni, votare direttamente la soluzione che più ritiene valida, partecipare alla stesura di una legge o di una costituzione, proporre e votare referendum, monitorare le attività di qualsiasi gestione amministrativa; il tutto in maniera totalmente diretta facendo sì che ognuno conti uno ed eliminando finalmente l'insidioso strumento della delega. Tutto ciò è estendibile a qualsiasi livello, dalla città, alle unioni di stati. Secondo esperti ed analisti, in un futuro non molto remoto, un'interconnessione totale, permetterà a tutto e tutti di comunicare in maniera costante ed immediata tra di loro e, in termini politici, ad ogni persona di divenire così abitante,vigilante e consigliere del mondo intero.

Internet delle cose, internet delle persone, intelligenza collettiva, web democracy; il pianeta diverrà come un enorme organismo, con un cuore unico e un unico cervello e noi viviamo oggi al centro di tale percorso evolutivo.

Fonte articolo

Nessun commento:

Posta un commento